La legge Zan sull’omotransfobia alla Camera. Via libera di Montecitorio. Il testo passa al Senato.

ROMA – La legge Zan sull’omotransfobia approvata alla Camera. Il primo sì è arrivato con 265 voti a favore. Il testo ora passa al Senato.

Green Pass e Super Green Pass, tutte le regole dal 10 gennaio

Dl Zan alla Camera

A Montecitorio si è discutendo del ddl voluto fortemente dall’esponente democratico. Si tratta di un provvedimento che è composto da dieci articoli (i primi cinque approvati) che riguardano la prevenzione e contrasto della discriminazione e della violenza per motivi legati al sesso, al genere, all’orientamento sessuale, all’identità di genere e alla disabilità.

Nel testo è previsto anche l’introduzione della giornata contro l’omotransfobia il 17 maggio. Su questo punto c’è stato il no da parte del Centrodestra, con Vittorio Sgarbi, riportato da Il Fatto Quotidiano, che attacca: “Solo una mente alterata può pensare che questa giornata sia pericolosa, allora abroghiamo anche l’8 marzo“.

Tensione in Aula

La discussione ha spaccato il Centrodestra. Il leghista Alessandro Pagano ha duramente criticato il provvedimento, sostenendo che, se verrà approvata la legge, verranno indagate e condannate persone che esprimeranno delle opinioni, o i sacerdoti che in chiesa leggono brani biblici in cui si parla di discriminazione della donna”.

A lui ha risposto Giusi Bartolozzi (Fi): “A questo gioco non ci sto. Ai colleghi ricordo che sono stati presentati emendamenti che parificavano l’omofobia e la pedofilia, e questo è un insulto. Non si gioca sui temi così importanti perché si deve fare la show“.

Camera dei Deputati Parlamento
Camera dei Deputati Parlamento

Notizia in aggiornamento

Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per seguire News Mondo su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 04-11-2020


Conte, ‘Restare uniti per uscire da questo periodo drammatico’. Salvini, ‘Chiudere tutti a casa è una sconfitta’

Elezioni Usa, come funziona il voto postale