Leonardo ha acquistato il 25,1 per cento di Hensoldt per 606 milioni. Profumo: “Siamo entusiasti”.

MILANO – Leonardo ha acquistato il 25,1% di Hensoldt per 606 milioni, 23 euro per azione. La trattativa, iniziata nelle scorse settimane, si è conclusa con la fumata bianca. Un affare sicuramente importante per l’azienda italiana visto che la società per l’elettronica nella difesa tedesca può dare quel cambio di passo fondamentale per aumentare gli introiti e guardare con molta fiducia anche al futuro dopo la pandemia.

Nei prossimi mesi la stessa società italiana potrebbe decidere di acquistare altre azioni per aumentare la propria presenza in questa azienda. Ma al momento Leonardo ha la maggiore quota insieme a Kreditanstalt fur Wiederaufbau.

Il commento di Profumo

Affare che ha reso soddisfatto Alessandro Profumo. “Siamo entusiasti dell’investimento in Hensoldt come catalizzatore per la creazione di una collaborazione più stretta che rafforzerà ulteriormente le rispettive posizioni nel mercato dell’elettronica per la difesa previsto in crescita – ha detto l’ad di Leonardo, riportato dall’Ansacrediamo che questo passo creerà valore per i nostri azionisti, riunendo punti di forza complementari per servire più clienti e partner con le soluzioni di cui hanno bisogno, pur preservando tecnologie e capacità nazionali […]“.

Leonardo
fonte foto https://www.facebook.com/LDOcompany

La società Hensoldt

Si tratta di una affare molto interessante anche per Leonardo. “Hensoldt – hanno precisato dall’azienda italiana – è la società leader in Germania nel campo dei sensori per applicazioni in ambito difesa e sicurezza, con un portafoglio in continua espansione nella cyber security, gestione dei dati e robotica. Chiusa l’operazione, nella seconda metà del 2021, Leonardo diventerà il maggior azionista di Hensoldt insieme a Kreditanstalt fur Wiederaufbau (all’80% della Repubblica Federale Tedesca“.

Nei prossimi mesi si valuterà se continuare a scommettere su questa azienda e aumentare le quote o restare fermi al 25%. Riflessioni che saranno effettuate in futuro e in base alla collaborazione tra le due multinazionali.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/LDOcompany


Cgia di Mestre, meno del 50 per cento dei sostegni erogati alle aziende

Recovery Plan, terminato il Consiglio dei ministri. Franco: “Green Light dalla Commissione Europea”