Juve, sì a Bonucci ma senza spendere: sul piatto Caldara (e Higuain) o Pjaca e Benatia

Trattativa caldissima tra Milan e Juventus per Leonardo Bonucci. Il Milan chiede Caldara, la Juventus chiede un impegno su Higuain. Il piano B porta a Benatia e Pjaca.

Il dado è tratto. È caduto il velo di mistero che circondava il caso Leonardo Bonucci. L’incontro avvenuto ieri tra Leonardo e Marotta e Paratici alla presenza di Beppe Riso, procuratore di Caldara, ha confermato che qualcosa di grosso bolle in pentola.

Leonardo Bonucci alla Juve, tutti d’accordo

L’unica certezza è il fatto che Leonardo Bonucci voglia tornare alla Juventus. La famiglia del giocatore è tornata a vivere a Torino da mesi e lui avrebbe espresso a Gennaro Gattuso il desiderio di fare ritorno in bianconero lasciando un po’ tutti con l’amaro in bocca anche alla luce di quella fascia da capitano che ha strappato dal braccio di Montolivo, uno che non ha mai brillato forse da un punto di vista tecnico ma che ci ha sempre messo la faccia e non ha mai pensato di cambiare squadra anche nel momento più difficile. In realtà la decisione di Bonucci non spaventa i rossoneri che anzi, ne approfitteranno per abbassare il proprio monte ingaggi o quantomeno per fare posto a uno stipendio top, che potrebbe essere quello Higuain ad esempio.

Anche da Torino hanno dato il via libera al ritorno di Leonardo Bonucci alla Juve. Massimiliano Allegri sarebbe già stato informato della situazione e avrebbe dato il suo assenso. Probabilmente con uno dei suoi sorrisi sardonici stampato sulle labbra. Qui iniziano i problemi: i bianconeri sono disposti a riabbracciare Bonucci ma non vogliono spendere. L’affare Cristiano Ronaldo pesa sull’economia di un club che anzi deve fare di tutto per vendere. È iniziato quindi con il Milan il gioco degli incastri per provare a capire quale contropartita tecnica possa accontentare i rossoneri al punto di spingerli ad accettare uno scambio alla pari.

LEONARDO BONUCCI Milan
LEONARDO BONUCCI

Niente Higuain, Milan su Caldara

L’ipotesi iniziale era quella di inserire Leo nella trattativa per Gonzalo Higuain, idea tramontata presto. Innanzitutto perché c’è distanza nelle valutazioni dell’attaccante argentino (valutato dalla Juve 60 milioni di euro, il Milan spera di spenderne meno) e del difensore azzurro (i rossoneri lo valutano quaranta milioni, i bianconeri trenta). Per il Pipita inoltre la Juventus vorrebbe approfittare dell’interessamento del Chelsea per scatenare un’asta al rialzo, il tutto senza considerare che Elliott avrebbe espresso il suo gradimento per Alvaro Morata.

Da qui l’idea di inserire nella trattativa il giovane Caldara, reduce da un prestito biennale all’Atalanta e appena rientrato a Torino. La Juventus non sarebbe intenzionata a privarsi del giocatore a meno che il Milan non si impegni ufficiosamente a prelevare anche Gonzalo Higuain a sessanta milioni.

Opzione B: Benatia (e Pjaca) per Leonardo Bonucci

Nell’ultimo incontro sarebbe spuntata anche una seconda opzione, ossia quella Benatia. I bianconeri avrebbero provato a inserire nella trattativa il cartellino del difensore marocchino. Il Milan avrebbe ascoltato con interesse la controproposta bianconera ma avrebbe rilanciato chiedendo anche Marko Pjaca, in uscita dalla Juventus.

ultimo aggiornamento: 25-07-2018

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures
X