Lo spettro del Rosatellum spaventa Italia Viva. E Zingaretti deve scegliere

Lo spettro del Rosatellum spaventa Italia Viva. E Zingaretti deve scegliere

Lo spettro del Rosatellum spaventa Italia Viva. Renzi esclude alleanze future con il M5s e mette alle ‘strette’ Zingaretti.

ROMA – Lo spettro del Rosatellum spaventa Italia Viva. Il partito di Matteo Renzi continua a ‘giocare su due tavoli’ con Franceschini che paragona questo esecutivo ai governi Prodi “dove ogni partito aveva un potere interdittivo e servivano giorni di trattative per cercare di chiudere un’intesa“.

E quelle legislazioni non sono mai andate a buon fine. All’avvocato toccherà la stessa sorte del professore? Difficile dirlo al momento visto che i dubbi su questo esecutivo restano. E come sempre la figura chiave potrebbe essere rappresentata da Matteo Renzi che su Facebook ha ribadito di “non essere contro il Governo ma contro l’aumento delle tasse“.

Italia Viva studia le carte, lancia proposte, trova coperture. Propone idee insomma. Questa è la prima novità da quando…

Pubblicato da Matteo Renzi su Sabato 5 ottobre 2019

Lo spettro del Rosatellum

In casa Italia Viva, però, spaventa lo spettro del Rosatellum. Questa legge elettorale dovrebbe portare Matteo Renzi ad allearsi alle prossime elezioni per cercare di entrare al Governo. Una situazione al momento esclusa dal senatore toscano che non sembra avere intenzione di creare una sorta di patto con il M5s. Idea diversa da parte del PD che continua a guardare con attenzione ai grillini. E non è da escludere l’idea di una fine anticipata del governo da parte di Renzi cercando di far cadere la colpa al Nazareno.

Governo Conte Bis
Il Presidente Sergio Mattarella in occasione della cerimonia di giuramento del Presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte e dei membri del nuovo Governo (foto di Francesco Ammendola – Ufficio per la Stampa e la Comunicazione della Presidenza della Repubblica)

Zingaretti tra due ‘fuochi’

Momento molto delicato anche per Nicola Zingaretti. Il segretario democratico è tra due ‘fuochi’. Da una parte deve tenere a bada le mire espansionistiche di Matteo Renzi (e i sondaggi danno ragione al leader PD n.d.r.) e dall’altra continuare la trattativa con il M5s.

Il futuro di questo esecutivo continua ad essere in forte dubbio. Molto dipenderà dal comportamento di Matteo Renzi che resta l’ago della bilancia del Conte bis anche se in questo momento le possibilità di una fine anticipata sono molto alte.

ultimo aggiornamento: 06-10-2019

X