Lo sfogo di Lorenzo Fontana: "Meloni preferisce il Senato..."
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Lo sfogo di Lorenzo Fontana: “Meloni preferisce il Senato alla Camera”

Lorenzo Fontana

Lorenzo Fontana esprime preoccupazione per il predominio del Senato nella presentazione dei testi di legge.

La Camera si sente messa da parte: troppi testi partono dal Senato, lamenta il leghista Lorenzo Fontana in visita al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Il presidente della Camera si dice preoccupato, sottolineando un presunto squilibrio nelle relazioni legislative con il Parlamento.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

Lorenzo Fontana

Fontana da Mattarella per questioni preoccupanti

L’incontro con Sergio Mattarella è stato definito come “cordiale ma non di routine” da fonti di maggioranza. Ma le parole di Lorenzo Fontana suggeriscono che l’incontro è stato caratterizzato da un tono di preoccupazione e urgenza, piuttosto che da una normale formalità.

Durante la sua visita al Capo dello Stato, il presidente della Camera ha espresso preoccupazione per il predominio del Senato nella presentazione dei testi di legge. Il primo anno di governo Meloni, infatti, ha evidenziato un cambiamento nelle dinamiche legislative.

Meloni preferisce il Senato: ma perché?

C’è stato un numero significativo di testi di legge che partono dal Senato anziché dalla Camera, e questa situazione inizia a rappresentare un problema per la Camera dei Deputati. La questione infatti solleva per Lorenzo Fontana un certo timore sull’equilibrio delle due camere del Parlamento italiano.

Fontana denuncia un monocameralismo di fatto” che è nato per volontà della Presidente del Consiglio, e che ridurrebbe il contributo dei deputati a una semplice ratifica.

La preferenza di Giorgia Meloni per il Senato è stata oggetto di discussione all’interno della coalizione di destra, che sostiene sia scaturita da un incidente avvenuto alla Camera lo scorso aprile. Allora, la maggioranza andò sotto su una risoluzione che autorizzava lo scostamento di bilancio, portando la premier ad imporre il massimo controllo sul percorso parlamentare.

Sfogandosi con Mattarella, il presidente della Camera confessa che i deputati si sentono “passacarte” del Governo.

La furia contro le dichiarazioni di Fontana

A ora di pranzo, il portavoce del presidente della Camera dei deputati, Luca Finocchiaro smentisce le affermazioni diffuse: Le frasi e i toni attribuiti al Presidente della Camera dei deputati, Lorenzo Fontana, pubblicati oggi dal quotidiano La Stampa a pagina 1 e 11 sono frutto di ricostruzioni totalmente fantasiose e destituite di ogni fondamento”.

C’è da riferire che il diretto interessato Fontana smentisce tutto. Secondo quanto riferito dagli articoli di affariitaliani e altre testate.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 9 Dicembre 2023 13:47

Matteo Salvini sfida Giorgia Meloni: ecco il motivo delle diatribe tra Lega e Fdi

nl pixel