L’Ue approva la bozza la bozza del Documento programmatico di bilancio dell’Italia. Ma alcune misure non sarebbero coperte da fondi.

Bruxelles, l’Ue ha approvato la bozza del Documento programmatico di bilancio presentata dall’Italia, affermando che le misure adottate dal governo sono in linea con le raccomandazioni di Bruxelles. L’Ue evidenzia però che diverse misure non risultano coperte da fondi adeguati.

Di seguito il video della conferenza stampa.

L’Ue approva la bozza del Documento programmatico di bilancio dell’Italia

L’attuale crisi ha esacerbato alcune sfide esistenti, e i rischi sono in aumento nei Paesi che già avevano squilibri macroeconomici eccessivi“, scrive l’Unione europea nel suo rapporto.

Dato il livello del debito pubblico italiano e le grandi sfide di sostenibilità nel medio termine prima dello scoppio della pandemia Covid-19, è importante per l’Italia assicurare che, quando prende misure di sostegno, preservi la sostenibilità di bilancio nel medio termine“, prosegue l’analisi.

Europa Unione europea
Europa Unione europea

Il messaggio dell’Ue all’Italia

“L’Italia è invitata a valutare regolarmente l’uso, l’efficacia e l’adeguatezza delle misure di sostegno e ad essere pronta ad adattarle alle circostanze che cambiano”, evidenzia Bruxelles.

Italia, la manovra alla Camera

Si attende intanto il passaggio della manovra economica alla Camera, con il governo italiano che dovrebbe chiedere un nuovo scostamento di bilancio per far fronte alla nuova emergenza coronavirus che ha investito il Paese.

La trattativa europea per il Recovery fund

Per quanto riguarda il Recovery fund, invece, l’Europa è alle prese con una lunga trattativa che vede i Paesi dell’Est contrari alle condizioni poste da Bruxelles. I continui rallentamenti evidentemente complicano la pianificazione dei singoli Stati, alle prese con un’emergenza economica senza precedenti nella storia recente.

Gentiloni: “Nessuna irritazione su tempi presentazione piani nazionali”

Del Recovery fund ha parlato anche il Commissario Paolo Gentiloni, che ha fatto il punto sui tempi di presentazione dei Piani dei singoli Paesi. Il piano in questione è quello necessario per richiedere i fondi.

Non credo ci sia una delusione da parte della Commissione per i tempi della presentazione del Piano. Solo sei o sette Paesi hanno presentato una parte iniziale del loro Piano. Noi incoraggiamo i Paesi a presentarlo per favorire il dialogo e penso sia utile farlo in tempo ravvicinato, ma non ci sono scadenze e non c’è irritazione”.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
economia politica

ultimo aggiornamento: 18-11-2020


Amazon ‘apre’ la sua farmacia online

Benzinai, dal 27 novembre scatta la chiusura in autostrada