Luigi Di Maio contro ArcelorMittal sul caso ex Ilva: “Trasciniamo la multinazionale in tribunale e chiederemo di rispettare i patti con lo Stato”.

Continua a tenere banco il caso ex Ilva ma con una nuova convinzione. La questione con ArcelorMittal si risolverà solo per vie legali. I franco-indiani, dopo aver presentato l’atto per la rescissione del contratto, hanno pubblicato il calendario della chiusura degli altiforni. La nuova posizione del governo è stata in qualche modo riassunta da Luigi Di Maio: “Trasciniamo la multinazionale in tribunale e chiederemo di rispettare i patti con lo Stato“.

Luigi Di Maio contro ArcelorMittal: “Trasciniamo la multinazionale in tribunale e chiederemo di rispettare i patti con lo Stato”

Fallite le trattative tra il governo e ArcelorMittal, la palla passa tra le mani della magistratura, unica autorità che, nel caso in cui ci fossero le condizioni legali, potrebbe costringere i franco-indiani a rimanere a Taranto. Almeno nell’immediato.

Una cosa è certa, trasciniamo la multinazionale in tribunale e chiederemo di rispettare i patti con lo Stato. Quella multinazionale ha firmato un contratto con lo Stato e quindi con il popolo, e se pensa di potersene andare credendo di avere di fronte uno Stato che gli dice ‘vai pure, non succede nulla’, ha sbagliato Stato e Governo“, ha dichiarato Luigi Di Maio.

Luigi Di Maio
Luigi Di Maio

I commissari Ilva presentano esposto contro ArcelorMittal

Intanto i commissari Ilva hanno presentato un esposto contro ArcelorMittal elencando i comportamenti inerenti al rapporto contrattuale con la società lesivi dell’economia nazionale. La richiesta presentata alla Procura è quella di verificare la possibile presenza di ipotesi di reato.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
ArcelorMittal evidenza Ilva luigi di maio News politica primo piano

ultimo aggiornamento: 17-11-2019


Salvini: “Il PD forte a Bologna. Rispetto per chi manifesta pacificamente”

Zingaretti, “Nessuna tentazione di far cadere il governo”. Di Maio: “Scongiurata la Salvini Tax”