Il marchio di Alitalia va ad Ita. La nuova compagnia è riuscita ad acquistare il brand della vecchia.

ROMA – Il marchio di Alitalia va ad Ita. Come riportato da La Repubblica, la nuova compagnia è riuscita ad aggiudicarsi il brand e il dominio della vecchia azienda per un valore di 90 milioni di euro. Si tratta di una una cifra sicuramente importante anche se più bassa della base che era di 290 milioni, ma la prima chiamata era andata deserta.

Ora Ita potrà prendere il nome della vecchia compagnia. Un passo sicuramente importante per dare continuità al lavoro iniziato in precedenza e non ripartire da zero.

Ita pronta alla partenza

Ita prepara la partenza. Alitalia ha ormai chiuso definitivamente i battenti e da venerdì 15 ottobre la nuova compagnia inizierà a volare. Il nome, almeno per il momento, resta quello scelto dal governo in precedenza, ma nei prossimi mesi la stessa azienda potrebbe decidere di dare continuità e prendere il nome di Alitalia.

Si tratta di un passaggio fondamentale per partire nel migliore dei modi e mettersi definitivamente alle spalle un momento davvero difficile. Presto ci saranno delle novità in questo senso e il confronto con i sindacati prosegue per evitare possibili rotture o altre spaccature con le parti sociali.

Green Pass obbligatorio, le regole dal 15 ottobre

Alitalia
Alitalia

Alitalia pronta a pagare gli stipendi ai dipendenti

La cessione del marchio consentirà ad Alitalia di pagare gli stipendi di settembre ai dipendenti. Ad oggi è stato versato solamente il 50% della cifra e nei prossimi giorni dovrebbe essere versata anche l’altra metà. Così si chiude definitivamente la storia dell’ex compagnia di bandiera.

Ita, comunque, è pronta a rispettare i suoi impegni e cercare di raggiungere gli obiettivi prefissati anche per quanto riguarda il discorso assunzioni. Il tema è comunque aperto e una decisione sarà presa solamente nei prossimi mesi.

ultimo aggiornamento: 14-10-2021


Incontro sindacati-Draghi a Palazzo Chigi. Landini: “Stop alle aziende con il 10 per cento dei lavoratori in nero”

Microsoft chiude Linkedin in Cina