Matteo Renzi contro Matteo Salvini sul caso dei fondi russi alla Lega: “Se hanno chiesto i soldi è alto tradimento”.

In occasione dell’evento organizzato a Milano contro le notizie false, o fake news, Matteo Renzi non ha perso l’occasione per parlare del caso dei fondi russi alla Lega.

Matteo Renzi contro Salvini sui fondi russi alla Lega: “Se hanno chiesto i soldi è alto tradimento”

Parlando dei soldi che la Lega avrebbe preso dalla Russia, Matteo Renzi, commentando gli audio diventati ormai famigerati, ha accusato Matteo Salvini e il suo partito di alto tradimento.

“Faccio una provocazione: io non credo che la Lega abbia preso quei soldi, 65 milioni di dollari, ma il punto è che membri della delegazione del vicepremier Salvini quei soldi ai russi li hanno chiesti. Se li hanno presi è corruzione internazionale e se li hanno chiesti questo è alto tradimento e su questo alto tradimento a Salvini e ai suoi collaboratori bisogna chiedere spiegazioni”.

Matteo Renzi
Matteo Renzi

L’ex premier sulle condizioni del Pd: “Dopo il referendum abbiamo perso la voce”

L’ex premier ha poi fatto il punto sulla situazione del Partito democratico, parlando sia della sua esperienza di governo che degli ultimi risultati ottenuti dai dem sotto la guida del neo segretario Nicola Zingaretti.

“L’algida sobrietà ci ha condannato a sconfitta. Dopo il referendum abbiamo perso la voce. Io voglio capire come abbiamo fatto a perdere e come torniamo a vincere. Loro magari si romperanno prima del previsto e noi intanto prepariamoci per bene, non perdiamo neanche un giorno, e torneremo a governare il Paese”.

“Noi non eravamo forti, bravi e fighi perché non basta essere forti, bravi e fighi, bisogna anche saper raccontare quello che si fa. E perché non si è fatto? Perché non tutti ci credevano, c’era una parte dei nostri che non ci credeva, troppo impegnata – scandisce – a riprendersi la Ditta e a dirci che non eravamo di sinistra”.

TAG:
primo piano

ultimo aggiornamento: 14-07-2019


Sea Watch, Napoli premia Carola Rackete

Zanda (PD) chiede le dimissioni di Matteo Salvini