Lotta alla droga nella Capitale, scacco a ‘Cosa Nostra Tiburtino’

5 paesi low cost dove rifarsi una vita

Nuova operazione antidroga a Roma: i Carabinieri del Comando Provinciale hanno arrestato ben 39 persone, tra cui sette donne.

ROMA – Dopo la prima retata di ieri (8 marzo ndr) non si ferma si ferma la caccia allo spaccio nella Capitale. Nelle prime ore odierne i Carabinieri i del Comando Provinciale di Roma, coadiuvati dal Nucleo Elicotteri Carabinieri, dalle unità cinofile e da militari dell’8 Reggimento Lazio, durante una nuova operazione hanno arrestato 39 persone, tutte indagate per i reati di associazioni finalizzati al traffico di sostanze stupefacenti ed estorsioni.

Questa nuova ondata di arresti avviene a meno di 24 ore dalla precedente, nell’ambito di un “giro di vite” dato dalle forze dell’ordine allo spaccio nella Capitale.

Carabinieri
Fonte foto: https://www.facebook.com/carabinieri.it/

Operazioni antidroga a Roma, possibile coinvolgimento della mafia

Nell’operazione le persone arrestate sono state accusate anche di aver contatti con la mafia. I Carabinieri, infatti, hanno delineato l’esistenza di un’organizzazione dai connotati mafiosi.

Il sodalizio si era imposto nell’area est della Capitale, attraverso una serie di aggressioni e minacce gravi in danno di pusher concorrenti e di acquirenti insolventi, esercitando un’azione di controllo del territorio a mezzo vedette.

Il gruppo criminale lavorava nel tentativo di prendere il controllo totale dei territori di Tivoli e Guidonia Montecelio attraverso il commercio della cocaina e le azioni intimidatorie anche di stampo mafioso.

Tra le persone indagate c’è anche l’avvocato Francesco Tagliaferri, già presidente e attuale consigliere della Camera Penale di Roma. L’uomo è stato accusato per favoreggiamento personale continuato: “La tutela legale – si legge nell’ordinanza di custodia – dei soggetti intranei al sodalizio è affidato da Cascalisci, in via pressoché esclusiva dall’avvocato”.

Il Procuratore aggiunto Michele Prestipino ha sottolineato la “capacità dei componenti di questo gruppo criminale, soprattutto al vertice, di venire a conoscenza delle attività investigative, sia pure non nel dettaglio, di individuare la forza di polizia che conduceva le indagini, di capire chi erano i militari più impegnati nell’indagine e di effettuare nei confronti di questi militari un’attività di intimidazione estremamente seria e grave, costituita in attività di pedinamento dei militari che procedevano nell’attività di indagine e di individuazione delle rispettive abitazioni”.

Qui il video dell’operazione odierna dei Carabinieri

cosa nostra tiburtina

MAXI OPERAZIONE ANTIDROGA DEI CARABINIERI – SCACCO ALLA “COSA NOSTRA” TIBURTINA.Dalle prime luci dell’alba, circa 300 Carabinieri del Comando Provinciale di Roma, coadiuvati dal Nucleo Elicotteri Carabinieri, dalle unità cinofile e da militari dell’8 Reggimento “Lazio”, stanno dando esecuzione ad un’ordinanza di custodia Cautelare -emessa dal G.I.P. del Tribunale di Roma su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia della locale Procura della Repubblica- che dispone l’arresto di 39 persone, tutte indagate, a vario titolo, per i reati di associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, armi ed estorsioni, aggravati dal metodo mafioso. Quarantasei i provvedimenti di perquisizione tuttora in corso.L’operazione odierna è l’esito di un’articolata attività investigativa, condotta dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Tivoli, avviata nel Febbraio del 2016. Il sodalizio dell'organizzazione criminale si era imposto nell'area est della Capitale, attraverso una serie di aggressioni e minacce gravi in danno di pusher concorrenti e di acquirenti insolventi (in alcuni casi si giungeva a violenti pestaggi dei malcapitati, ai quali veniva imposto il pagamento dei debiti di droga).#ArmadeiCarabinieri #PossiamoAiutarvi #Operazioni

Pubblicato da Carabinieri su giovedì 8 marzo 2018

 

Ricevi le ultime notizie in Real Time, lascia la tua email qui sotto:

Privacy Policy
Se ti è piaciuta la notizia, condividila sui social!

ultimo aggiornamento: 09-03-2018

Francesco Spagnolo