Walter Mazzarri elogia Giorgio Chiellini, i tifosi del Torino chiedono le dimissioni del tecnico. Cairo non sembra intenzionato ad accogliere la richiesta della tifoseria.

I tifosi del Torino chiedono le dimissioni di Walter Mazzarri, reo di aver rivolto elogi a Chiellini, difensore della Juventus. E le regole della rivalità cittadina non fanno fanno sconti. Il derby si vive e si respira ogni giorno, la partita è solo la ciliegina sulla torta, la resa dei conti.

Walter Mazzarri elogia Chiellini, i tifosi del Torino chiedono le dimissioni

La sportività del tecnico granata non è piaciuta ai tifosi del Torino. In conferenza stampa Mazzarri ha elogiato Giorgio Chiellini, icona della Juventus, definito come un esempio da seguire, il calciatore ideale che tutti, compresi i calciatori granata, dovrebbero imitare per essere determinanti nelle partite.

Oggettivamente e calcisticamente parlando, Mazzarri non ha detto un’eresia. Chiellini, nonostante la carta d’identità ingiallita, è uno dei punti fermi della Juventus e della Nazionale italiana, fermato solo da un infortunio. Si tratta di uno dei centrali difensivi più apprezzati in tutto il mondo per la sua grinta e per la sua capacità di incidere.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Walter Mazzarri
fonte foto https://twitter.com/TorinoFC1906_En

La reazione dello zoccolo duro della tifoseria granata

Il problema è che Chiellini è un giocatore della Juventus, e i tifosi granata non hanno apprezzato il paragone che voleva essere costruttivo. Lo zoccolo duro della tifoseria avrebbe preferito che Mazzarri menzionasse magari un giocatore della storia del Torino e qualcuno sui social è arrivato ad augurarsi l’esonero del tecnico. Al momento il presidente Cairo, nonostante un inizio di stagione al di sotto delle aspettative, non sembra intenzionato ad accogliere i malumori dei tifosi.

TAG:
calcio news

ultimo aggiornamento: 29-10-2019


Verso Milan-Spal: Calabria e Conti deludono, Leo Duarte in rampa di lancio

Mercato, Milan alla ricerca di qualità in attacco: ecco i nomi “caldi”