E’ stata la decisa la nuova formazione del Comitato tecnico-scientifico. Franco Locatelli il coordinatore. Silvio Brusaferro il portavoce.

ROMA – E’ stato ufficializzato il nuovo Comitato tecnico-scientifico. Dopo il passo indietro di Agostino Miozzo, il capo della Protezione Civile Fabrizio Curcio ha firmato un nuovo decreto per la formazione del Cts. Il ruolo di coordinatore è stato affidato a Franco Locatelli supportato da Silvio Brusaferro, quest’ultimo portavoce unico.

La nota

Il nuovo Comitato tecnico scientifico è stato deciso dal capo della Protezione Civile con una nota, riportato da La Repubblica. “Preso atto delle recenti dimissioni del Coordinatore del Comitato Tecnico Scientifico, dottor Agostino Miozzo, e in relazione alla nuova fase dell’emergenza coronavirus, con l’accelerazione delle attività inerenti al nuovo piano vaccinale ha ritenuto opportuno razionalizzare l’attività del Cts, al fine di ottimizzarne il funzionamento anche mediate del numero dei componenti“.

In quest’ottica – continua la nota – saranno coinvolti esperti appartenenti non solo al campo scientifico, ma anche ad altri settori, come ad esempio al metodo statistico, matematico-previsionale o ad altri campi utili a definire il quadro della situazione epidemiologica e ad effettuare l’analisi dei dati raccolti necessaria ad approntare le misure di contrato alla pandemia“.

Il nuovo Cts

La formazione del nuovo Cts è stata fortemente voluta da parte della nuova maggioranza. Un Comitato più piccolo e con dei ruoli precisi.

Il presidente dell’Istituto Superiore di Sanità Silvio Brusaferro, nominato da Curcio come portavoce, sarà l’unico a poter parlare e spiegare le decisioni che saranno spiegate dal Comitato tencico-sanitario.

Franco Locatelli
archivio Image / Cronaca / Franco Locatelli / foto Clemente Marmorino/Image

La composizione del nuovo Comitato tecnico-scientifico

Di seguito la composizione del nuovo Comitato tecnico-scientifico decisa dal capo della Protezione Civile:

Silvio Brusaferro (portavoce)
Franco Locatelli (coordinatore)
Sergio Fiorentina (segretario)
Giuseppe Ippolito
Cinzia Caporale
Giorgio Palà
Giovanni Rezza
Fabio Ciliano
Sergio Abrignani
Alessia Melegaro
Alberto Giovanni Gerli
Donato Greco

Gerli rinuncia all’incarico alla luce delle polemiche per il suo inserimento nel Comitato Tecnico Scientifico

Nella giornata del 18 marzo, Gerli ha reso noto di aver rinunciato all’incarico alla luce delle polemiche che lo hanno interessato dopo la nomina.

A seguito delle inattese e sorprendenti polemiche esplose all’indomani della mia nomina a componente del Comitato Tecnico Scientifico, ho ritenuto opportuno rinunciare all’incarico così da evitare al Cts e alle Istituzioni in generale ulteriori, inutili ostacoli e distrazioni rispetto alle importanti e difficili decisioni che sono chiamati a prendere in un momento tanto delicato per il Paese“, ha dichiarato Gerli nel motivare la sua decisione.

Esperto di modelli statistici, Gerli è finito al centro delle polemiche dopo la nota in quanto alcune delle sue previsioni sui contagi si sono rivelate errate o comunque molto distanti (per difetto) dal numero effettivo dei casi che sarebbero poi stati registrati. Il suo modello è stato fermamente criticato così come criticato era stato il suo inserimento nel nuovo Comitato Tecnico Scientifico.

TAG:
coronavirus

ultimo aggiornamento: 18-03-2021


La decisione dell’Ema su AstraZeneca

Via libera ad AstraZeneca, Draghi: “Riprendono le vaccinazioni”