Offerta dalla Cina per un attaccante del Milan

Offerta dalla Cina per Nikola Kalinic: il croato vuole rimanere al Milan, i rossoneri non forzeranno la mano per provare a convincere l’attaccante.

chiudi

Caricamento Player...

Offerta dalla Cina per Nikola Kalinic, pallino di Fabio Cannavaro, allenatore dello Guangzhou Evergrande. Il tecnico italiano aveva provato a portare il giocatore al Tianjin Quanjian ai tempi in cui il croato vestiva la maglia della Fiorentina e sarebbe tornato all’assalto in queste ore provando ad approfittare del malumore del giocatore.

L’offerta del  Guangzhou Evergrande per Nikola Kalinic

Secondo quanto emerso nelle ultime ore, il Guangzhou Evergrande avrebbe contattato l’entourage di Nikola Kalinic per provare a convincerlo ad accettare il trasferimento immediato in Cina. Ricca la proposta d’ingaggio, così come ricca sarebbe l’offerta che il club cinese presenterebbe al Milan per il cartellino del giocatore. I rossoneri hanno fatto sapere attraverso un comunicato diramato nei giorni scorsi di non voler vendere nessuno dei calciatori acquistati nel corso dell’estate, ma una ricca offerta per Kalinic sarebbe presa in considerazione da Fassone e Mirabelli.

Nikola Kalinic Montella Milan
Nikola Kalinic

Nikola Kalinic-Milan, un amore che non riesce a scoccare

Dopo metà stagione possiamo dire con assoluta certezza che l’amore tra il Milan e Kalinic non è assolutamente scoccato, anzi. Il giocatore è continuamente bersagliato dai tifosi rossoneri che sono passati ora alla tattica dei fischi preventivi per provare a far capire a Gennaro Gattuso che secondo la curva in campo dovrebbe andarci Patrick Cutrone. Il croato non avrebbe alcuna intenzione di demordere e avrebbe rifiutato la ricca proposta proveniente dalla Cina per giocarsi le sue carte in rossonero.

Il problema è Kalinic o è il Milan?

Alla luce dello scarso rendimento di Andre Silva e Cutrone e soprattutto alla luce dei precedenti di Kalinic viene da chiedersi se il problema sia il giocatore (che di certo non sta vivendo una stagione fortunata) oppure il gioco del Milan che non favorisce gli attaccanti centrali come dimostrato anche da Carlos Bacca, tornato protagonista in Spagna.

Con la maglia della Fiorentina Nikola Kalinic ha brillato vestendo i panni del trascinatore. Non un bomber di razza, non una punta da venticinque gol a stagione, ma sicuramente un pericolo costante nei sedici metri avversari. Bene anche per quanto riguarda il gioco di squadra, motivo per cui la scorsa estate Vincenzo Montella lo ha voluto in rossonero. Anche con la Nazionale di calcio della Croazia Kalinic ha fatto vedere buone cose fino alle ultime apparizioni, ossia nel pieno della sua crisi rossonera. Insomma, la colpa è tutta di Nikola?