Mercato Milan: tiene banco il futuro di Patrick Cutrone

Tra il possibile addio e un nuovo ruolo nell’undici titolare: la carriera di Cutrone è davanti a un bivio importante

E’ un inizio d’anno complicato, quello vissuto da Patrick Cutrone. Il ragazzino terribile, quello col veleno in corpo che riusciva a lasciare il segno anche con pochissimi minuti a disposizione, sembra un ricordo sbiadito. Colpa, anche dell’uragano-Piatek: il polacco, in rossonero soltanto da un mese e mezzo, si è subito preso il Milan a suon di reti e prestazioni straordinarie. Questo ha finito per intristire il numero 63 rossonero, sentitosi improvvisamente ai margini. La società lo ritiene ancora un elemento fondamentale, ma il suo futuro si trova davanti a un bivio.

Milan: Torino e Lazio nel futuro di Cutrone?

Le possibilità che Patrick Cutrone lasci il Milan a fine stagione sembrano basse: l’eventualità in questione, però, non può essere esclusa del tutto. La volontà del giocatore in questi casi è sempre più determinante: la società non potrebbe permettersi di tenere in rosa un calciatore che non ha voglia o non crede più nel progetto.

Le destinazioni Lazio e Torino, per il momento, sono poco più di ipotesi. E’ importante sottolineare come non ci sia stata alcuna trattativa o contatto tra le società. La società granata, non è un mistero, è comunque molto interessata al ragazzo.

PATRICK CUTRONE
PATRICK_CUTRONE

Cutrone: cambio modulo/ruolo per rientrare in pista?

Una possibilità per evitare di perdere in maniera definitiva il ragazzo potrebbe essere quella di studiare un nuovo assetto tattico o, vista la giovanissima età dell’atleta, quella di provarlo in un nuovo ruolo. Gattuso, al momento, sembra non abbia alcuna intenzione di rivoluzionare quel 4-3-3 che in questi primi due mesi del 2019 ha reso il Milan quasi invincibile.

Nove turni d’imbattibilità in campionato, una difesa blindata, un gioco magari non spettacolare ma essenziale e tremendamente efficace sono elementi che spingono il mister a non cambiare. L’alternativa, dunque, potrebbe essere quella di testare il numero 63 rossonero come esterno d’attacco. La velocità di base c’è, l’intelligenza tattica anche: bisognerà vedere fino a che punto il giocatore avrà voglia di mettersi in discussione.

ultimo aggiornamento: 13-03-2019

X