La presidente dell’Europarlamento, Roberta Metsola, ha commentato la situazione attuale legata alla guerra in Ucraina.

Sono passati poco più di cento giorni dal 18 gennaio, ovvero quando Roberta Metsola, eurodeputata maltese di 43 anni, è diventata la presidente del Parlamento europeo. Da allora, moltissimi eventi hanno rivoluzionato l’Unione europea. In un’intervista all’AGI, Roberta Metsola racconta la propria idea e visione di Europa, del presente e del futuro.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Le parole della presidente dell’Europarlamento

“Il futuro dell’Unione europea è in pericolo a causa dell’invasione russa dell’Ucraina”, per questo motivo “l’Ue deve continuare a fare tutto il possibile per porre fine a questa guerra e aiutare il popolo ucraino”. E ciò che si può fare è l’embargo, dopo quello del petrolio, “di tutti i combustibili fossili dalla Russia”, stando alla presidente Metsola.

“In questi cento giorni mi sono sentita orgogliosa e onorata di rappresentare tutti i cittadini dell’Unione ma è stato un periodo molto impegnativo”, ha dichiarato la presidente dell’Europarlamento. “Quando sono entrata in carica non mi aspettavo che mentre stavamo cercando di superare le conseguenze della pandemia di Covid-19, saremmo stati colpiti dall’inaccettabile invasione russa dell’Ucraina. Questa è la nostra principale sfida, perché questa aggressione è anche contro l’Europa e contro i nostri valori e principi. Il nostro futuro è in pericolo. Ecco perché dobbiamo fare tutto il possibile per porre fine a questa guerra e aiutare il popolo ucraino, come abbiamo fatto fin dal primo momento”, ha raccontato Metsola, prima leader delle Istituzioni dell’Unione a visitare Kiev, e che continua a chiedere un avvicinamento sempre più sostanziale dell’Ucraina all’Europa: “Non rispondere alla sua richiesta di status di candidato sarebbe lo scenario peggiore”.

bandiera europea
Bandiera europea

“Ciò che ho imparato da quella visita è che anche se l’Ue ha già fornito molta assistenza logistica, umanitaria, militare e finanziaria, possiamo sempre fare un po’ di più ed è quello che stiamo facendo in questo momento negoziando un nuovo pacchetto di sanzioni”, ha dichiarato Metsola. “Sono stati ascoltati gli appelli del Parlamento europeo a fermare le importazioni di petrolio russo. A seguire dobbiamo avanzare verso un embargo completo su tutti i combustibili fossili russi”, ha esortato la presidente dell’Europarlamento. Ma bisogna tenere in considerazione gli impatti della misura sull’economia europea.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

Guerra in Ucraina

ultimo aggiornamento: 09-05-2022


Elon Musk minacciato dalla Russia: “Se muoio in circostanze misteriose…”

Pregliasco: “Possibile ritorno delle mascherine in autunno”