Caso migranti, uno su dieci arriva in Italia a bordo delle Ong, gli altri arrivano nei temuti sbarchi fantasma.

Numeri alla mano, la maggior parte dei migranti raggiunge l’Italia a bordo di piccole imbarcazione. Stando ai numeri diffusi da la Repubblica ben nove clandestini su dieci raggiungerebbero le nostre coste senza l’aiuto delle navi delle Ong.

Le cifre relative agli sbarchi avvenuti nel 2019 presentano uno scenario preoccupante. Decisamente meno grave di quello degli anni precedenti ma non soddisfacente per gli obiettivi dichiarati del Viminale.

Migranti, la maggior parte degli irregolari arriva negli sbarchi fantasma

Dalle navi delle Ong sono sbarcati poco meno di trecento persone, mentre gli sbarchi fantasma, proseguiti anche nei giorni in cui la nave Alexa era ferma al largo di Lampedusa e in quelli successivi, sarebbero arrivate tremila persone circa.

Insomma, il grande problema, difficile da debellare, sarebbero gli scafisti indipendenti che riescono a raggiungere indisturbati le coste italiane facendo sbarcare diverse decine di persone al termine di ogni viaggio.

Migranti
fonte foto https://twitter.com/seaeyeorg

L’impegno di Matteo Salvini

Ma non è corretto dire, come fanno molti, che Salvini non si stia preoccupando del problema. Gli scafisti hanno dovuto cambiare rotte e strategie negli ultimi mesi e gli sbarchi sono più che dimezzati rispetto agli anni passati.

Il pm di Agrigento Patronaggio durante il suo intervento in Commissione alla Camera ha sottolineato come attraverso gli sbarchi fantasma arrivino di norma i soggetti più pericolosi, quelli con la fedina penale sporca.

Non è esagerato dire che il leader della Lega dall’inizio della sua esperienza al Viminale ha avviato una vera e propria lotta in alto mare per mantenere fede alla sua promessa di mettere la parola fine al fenomeno dell’immigrazione clandestina.


Addio a Valentina Cortese, icona del cinema e della televisione

Migranti, nuovo sbarco a Lampedusa: arrivato un barchino con 12 persone