Le dichiarazioni del jolly del Milan, Fabio Borini, ai microfoni della tv ufficiale del club: “Ho dimostrato di rimanere questo club“.

Fabio Borini, esterno del Milan e vero jolly della rosa di Gattuso, si è raccontato ai microfoni della tv ufficiale del club al termine della prima stagione rossonera.

Queste alcune delle sue dichiarazioni: “Il bilancio è positivo sia personalmente che collettivamente, anche per il raggiungimento dell’Europa League dopo un inizio non facile. E dal punto di vista personale direi molto positivo, anche perché le aspettative non erano così elevate nei miei confronti. Ho dimostrato di valere la maglia del Milan e sono contento di questo“.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Milan, le dichiarazioni di Borini

L’ex Roma ha quindi commentato i complimenti di Mirabelli nei suoi confronti: “Sono dichiarazioni che fanno piacere, perché vuol dire che lui ha capito quello che sono e come sono, come persona prima e poi come calciatore. Affinità tra me e Gattuso? In campo ci sono molte similitudini tra me e lui quando giocava. Adrenalina, cattiveria agonistica, il fatto di entrare con una certa durezza nei contrasti, il fatto di finire la partita stremati sono tutti lati in comune tra me e lui“.

La stagione bipolare dei rossoneri ha fatto discutere molto. Borini prova a darne una sua spiegazione: “Nella seconda parte si è tornati alle cose basilari di ciò che si fa durante una partita, come la fase difensiva, la fase offensiva fatta bene, la preparazione della partita e i calci piazzati. Una volta che fai le cose base fatte bene, hai già fatto più della metà del lavoro. Poi ci sono le qualità dei calciatori“.

Milan, Borini: “Ci è mancata fantasia in alcune situazioni”

Ma cosa è mancato al Milan per poter avere maggior continuità? Borini ipotizza: “Saper trovare le alternative immediate nella partita. Ci vuole fantasia e l’alternativa giusta per uscire dalle situazioni difficili. Le qualità sappiamo di averle, abbiamo un progetto a lungo termine. Cosa ho pensato quando Gattuso mi ha messo terzino? Non ho pensato molto, quello che mi serve è giocare. Mi ci sono allenato molto, sarà una cosa utile in futuro“.

Quindi Borini si è proiettato sul futuro: “Spero di vedere una stagione migliore rispetto a quest’anno da un punto di vista realizzativo, ma anche professionale, vincendo magari qualche trofeo. Non sarebbe male. Si guarda positivamente, sono venuto qua per il progetto. L’idea è quella di far tornare il Milan dove deve stare, e spero di farne parte. Possibili cessioni di alcuni miei compagni? E dove dovrebbero andare? Sei al Milan, dove devi andare?“.

Nel video alcune giocate di Borini in questa stagione:

https://www.youtube.com/watch?v=bS4toTsp22A

Riproduzione riservata © 2022 - NM

milan

ultimo aggiornamento: 01-06-2018


Mercato Milan, il Bologna bussa alla porta per Cutrone: no di Mirabelli

Amichevole, Francia-Italia 3-1: prima sconfitta per gli Azzurri di Mancini