Milan, Fair Play Finanziario: Gazidis oggi all’ECA in cerca di appoggi

Il confronto tra Uefa e Milan in merito alle violazioni del Fair Play Finanziario prosegue. Domani ci sarà un incontro: intanto, Gazidis cerca appoggi esterni

Proseguire il dialogo con l’Uefa, sperando di arrivare a una conciliazione davanti al TAS. Cercare, nel frattempo, appoggi esterni in seno all’ECA, l’Associazione dei Club Europei, per avere conforto ed alleati con l’obiettivo di riscrivere le regole sul Fair Play Finanziario. Sono giorni ricchi di impegni quelli dell’ad rossonero Ivan Gazidis. Secondo quanto riportato oggi dal quotidiano Il Giornale, il manager tenterà di creare un fronte comune a livello continentale per spingere l’Uefa a cambiare le regole.

FFP troppo rigido: Gazidis capofila per un cambiamento

Il vice presidente della Fifa Zvonimir Boban ha offerto un grande assist al Milan, impegnato in una battaglia giudiziaria con la federazione europea sul Financial Fair Play. Boban, infatti, aveva ribadito come le attuali norme vadano ad ostacolare chi decide di immettere denaro fresco nel mondo del calcio, scoraggiando così i nuovi investitori.

Gazidis ribadirà oggi concetti simili alla riunione dell’ECA. La speranza è di trovare appoggi alla sua richiesta di cambiare le regole del gioco. Non sarà ovviamente facile, dato che Roma e Inter sono state sottoposte agli stessi criteri. I giallorossi hanno superato l’esame, mentre i nerazzurri lo faranno a luglio, nel caso in cui producessero plusvalenze per 40 milioni. Questo, senza andare oltre il tetto di 30 milioni di perdite negli ultimi tre anni.

Casa Milan
Fonte foto: https://www.facebook.com/GianlucaDiMarzio/

Milan-Uefa: la ricerca di una conciliazione davanti al TAS

Il Milan, comunque, tiene fede alla propria linea. La sentenza dell’Uefa, per il club di via Aldo Rossi, è stata sin troppo dura e pone in essere condizioni che difficilmente possono andare d’accordo con un progetto di crescita. Per raggiungere la Champions e aumentare così i ricavi servono investimenti sul mercato: proprio quelli che l’Uefa intende limitare, con obiettivi come il pareggio di bilancio da raggiungere in tre anni.

ultimo aggiornamento: 10-01-2019

X