Milan, mazzata della Uefa a Rebic: 5 giornate di squalifica!

Milan, mazzata della Uefa a Rebic: 5 giornate di squalifica!

L’Uefa stanga Ante Rebic, espulso lo scorso 29 agosto nel match di Europa League contro lo Strasburgo: per il Milan, al momento, non è comunque un problema

29 agosto 2019, partita di ritorno dei playoff di Europa League tra Eintracht Francoforte e Strasburgo. I tedeschi, nell’inferno della Commerzbank-Arena, provano a ribaltare la sconfitta col minimo scarto subita in Alsazia. Le cose si mettono subito bene, grazie all’autorete di Mitrovic, propiziata da Rebic. Il croato, però, si fa espellere al 44′ per un duro fallo. Nella ripresa il rosso a Lienard riequilibra la situazione, con Kostic e Da Costa che timbrano il definitivo 3-0 per i tedeschi. A distanza di tre settimane è arrivato il giudizio dell’Uefa sulla condotta di Rebic, nel frattempo passato al Milan: la stangata è pesantissima.

Milan, Uefa inflessibile su Rebic: 5 turni di squalifica

La federazione calcistica europea non dimentica certo e, soprattutto, non fa sconti. Rebic è stato infatti squalificato per ben 5 turni. La motivazione? Presto detta. Il croato, dopo un fallo assai duro nei confronti di un avversario, ha infatti protestato contro la decisione arbitrale, arrivando ad insultare gli ufficiali di gara.

Il Milan, quest’anno, non parteciperà a nessuna competizione Uefa. La società di via Aldo Rossi, qualificatasi per lEuropa League, ha infatti volontariamente rinunciato alla competizione continentale, in modo tale da non incorrere in problematiche relative al Fair Play Finanziario. Nel caso in cui i rossoneri arrivassero nelle coppe europee la prossima stagione, però, dovrebbero comunque fare a meno del calciatore per lungo tempo.

Ante Rebic
fonte foto https://twitter.com/peppegallozzi91

Milan, l’obiettivo è sempre la Champions

Squalifica di Rebic o meno, l’obiettivo del Milan sarà sempre quello di centrare la tanto agognata qualificazione alla Champions League. Un traguardo che a Milanello e dintorni manca addirittura dal 2012-2013. Troppo tempo, per una società gloriosa come quella rossonera. Nel caso in cui si centrasse l’obiettivo, l’attaccante croato potrebbe rientrare in occasione dell’ultima gara della fase a gironi.

ultimo aggiornamento: 21-09-2019

X