Il Milan guarda alla Ligue 1 per rafforzare il suo organico. Non solo Thauvin: piace anche Nicolas Pépé. Sul calciatore, però, ci sono Psg e Bayern Monaco

Una delle priorità nella sessione estiva di calciomercato del Milan sarà quella di rafforzare il settore degli esterni d’attacco. Nel 4-3-3, modulo finora più utilizzato da Gattuso in stagione, l’apporto di Suso e Calhanoglu è stato spesso insufficiente: Borini e Castillejo, come riserve, hanno messo tanto impegno in campo, non riuscendo però a fare la differenza in termini di reti e assist. Urge dunque qualcosa di nuovo, per compiere il salto di qualità. Sono tante le sirene dalla Ligue 1: Alain Saint-Maximin del Nizza è seguito da mesi; Florian Thauvin è la sensazione degli ultimi giorni: Nicolas Pépé il possibile colpaccio a sorpresa.

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

Milan, l’esterno del Lilla Pépé piace anche a Psg e Bayern

Quando disputi un campionato d’avanguardia a sorpresa, come ha fatto il Lilla quest’anno, è normale che gli occhi delle grandi squadra d’Europa si posino sui protagonisti della cavalcata trionfale. Tra questi, in casa Lilla (secondo e reduce da un 5-1 al Psg), c’è anche Nicolas Pépé, esterno d’attacco che sta completando una stagione con numeri pazzeschi.

Nella squadra guidata dall’ex Saint-Etienne Cristophe Galtier, infatti, Pépé ha realizzato ben 20 reti e 14 assist in 35 gare, suddivise tra campionato, Coppa di Francia e Coppa di Lega. Statistiche che fanno capire bene il tipo di impatto avuto dal calciatore franco ivoriano, classe 1995. Il Milan lo segue da vicino, così come stanno facendo le corazzate Psg e Bayern.

Paul Singer Elliott
Paul Singer, fondatore del Fondo Elliott (foto: wikipedia)

Attento Milan: il Bayern ha sul piatto 60 mln per Pépé

Il club bavarese, alla fine della stagione, diverrà contemporaneamente orfano di Franck Ribery e Arjen Robben. Due colonne che, ormai da un decennio, sono parte integrante della spina dorsale del Bayern. Il settore degli esterni offensivi va ovviamente rivoluzionato: urge qualcuno da affiancare ai pur bravi Gnabry e Coman.

Il prescelto potrebbe essere proprio Pépé, per cui i tedeschi sono pronti a mettere sul piatto 60 milioni di euro. Attenzione, però, al Milan. Il Fondo Elliott, infatti, vanta un credito di più di 100 milioni nei confronti del Lille: soldi versati l’anno scorso, per far respirare le casse del club. L’affare Pépé potrebbe quindi inserirsi nelle operazioni di estinzione del debito da parte della società transalpina.

Riproduzione riservata © 2021 - NM

milan

ultimo aggiornamento: 17-04-2019


CorSport: Milan, sacrificio Suso per arrivare a Thauvin?

Milan, parla il dt del Watford: “Pereyra via solo per una big”