Milan, Sacchi: “Romagnoli badi di più alla sostanza. Cutrone può diventare un grande attaccante”

L’ex allenatore del Milan, Arrigo Sacchi, ha parlato di alcuni singoli rossoneri, dal capitano al giovane bomber.

Arrigo Sacchi ha rilasciato un’intervista a La Gazzetta dello Sport. L’ex commissario tecnico della Nazionale ha parlato anche di Milan, in particolare di alcuni singoli.

Alessio Romagnoli
Fonte foto: https://www.facebook.com/pg/ACMilan/

Capitano, lavora di più

Sacchi ha riservato delle critiche a Alessio Romagnoli: “Romagnoli è cresciuto meno del previsto. Ha grandi qualità, ma deve lavorare tanto, badando meno all’immagine. Va in giro in guanti e maniche corte: o hai freddo o non ce l’hai…“.

Bomber predestinato

Poi, Sacchi ha espresso giudizi lusinghieri su Patrick Cutrone con alcuni consigli comportamentali: “Cutrone può diventare un grande attaccante. Deve sorvegliare di più i comportamenti: alla sua età meglio evitare di lamentarsi per una sostituzione o contestare un arbitro esperto come Orsato. La modestia aiuta a crescere“.

Talento sulla corsia

Il Milan, dopo oltre un anno, ha recuperato dall’infortunio Andrea Conti, il quale ha già fornito due assist vincenti ai compagni di squadra. Sull’ex Atalanta, Sacchi non ha dubbi: “Conti ha talento e coraggio“.

Consiglio al mister…

Sacchi, infine, ha parlato anche del tecnico rossonero Gattuso: “Ha già fatto tantissimo: ha ridato alla squadra dignità e orgoglio. Nonostante assenze importanti e valori tecnici non eccelsi, sta tenendo il Milan in zona Champions. Deve crescere con i giocatori per arrivare a un gioco più fluido: più movimento, più palla sulla corsa, più uomini in area. E più pressing: non farlo è un suicidio. Oggi il pressing non è più una scelta, è una necessità, per accorciare la squadra e renderla più offensiva...”.

ultimo aggiornamento: 26-01-2019

X