Milan, il giorno decisivo: tra Yonghong Li, Rybolovlev e il Fondo Elliott

Sono ore febbrili per il futuro rossonero: mentre la squadra si radunerà, Yonghong Li cercherà di convincere e soddisfare Elliott con al fianco il magnate russo Rybolovlev.

Il 9 luglio 2018 potrebbe essere ricordato come una data storica per il Milan, e ciò non è assolutamente legato al raduno della squadra di Gattuso. All’ordine del giorno, la probabile escussione del club di via Aldo Rossi da parte del Fondo Elliott, nei confronti del quale Yonghong Li è esposto per 303 milioni più interessi, ai quali si sono aggiunti altri 32 milioni: venerdì scorso il patron rossonero non ha rispettato i termini del rimborso del credito e così il fondo di Paul Singer può avviare il procedimento per escutere il proprio credito, acquisendo il Milan.

Yonghong Li Milan
Fonte foto: https://www.facebook.com/pg/ACMilan

Il tentativo in extremis di Yonghong Li

Poche ore fa, è circolata l’indiscrezione secondo cui Dmitrij Rybolovlev, magnate russo del potassio (patrimonio stimato di oltre 6 miliardi, è fortemente interessato all’acquisizione del Milan.

Il patron del Monaco – preso dalla Ligue 1 e portato alla vittoria del campionato francese – affiancherebbe Yonghong Li per “liquidare” Elliott, assumendo il controllo del club rossonero e mantenendo al suo interno l’attuale numero uno cinese con una quota di minoranza. Le possibilità che il tentativo in extremis vada in porto sono bassissime: Mister Li baserebbe le residue chance su un cavillo del contratto secondo il quale Elliott dovrà valorizzare la società con un processo tutelante per Yonghong Li stesso e alla fine dare un extra-profitto rispetto al credito.

In questa situazione di confusione inizia ufficialmente la stagione del Milan con la squadra che si ritroverà a Milanello, nella speranza di conoscere qualcosa in più del proprio futuro.

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 09-07-2018

Fabio Acri

X