Milano, incendio all’Istituto Don Gnocchi. Evacuate quaranta persone. Sono diciotto i feriti, uno in gravi condizioni per le ustioni riportate.

È di diciotto persone ferite – una delle quali in gravi condizioni – il bilancio dell’incendio divampato all’Istituto Don Gnocchi di Milano. Stando alle prime indiscrezioni, le fiamme sarebbero divampate a causa di una sigaretta lasciata accesa in una delle camere al secondo piano della struttura.

Incendio all’Istituto Don Gnocchi in via Palazzolo

L’Istituto Don Gnocchi ospita persone anziane che necessitano di assistenza medica. Immediato l’allarme ai Vigili del Fuoco, intervenuti con diverse unità per domare l’incendio che in pochi minuti ha avvolto il piano dell’edificio. I pompieri hanno evacuato il reparto e assicurato gli anziani alle cure mediche dei soccorritori.

Vigili del Fuoco
fonte foto https://www.facebook.com/vigilidelfuocolafanpage/

Incendio Istituto Palazzolo Milano, il bilancio

Il bilancio è di diciotto feriti, sedici in condizioni non gravi, uno ricoverato in Codice Giallo e uno, un uomo di settant’anni, ricoverato il gravi condizioni per le ustioni riportate sul corpo. L’uomo rimasto gravemente ferito dovrebbe essere quello che si trovava nella stanza in cui è divampato l’incendio. Non si esclude che possa essersi addormentato con la sigaretta accesa, vicina a un oggetto infiammabile che ha trasformato la struttura in un inferno.

Il rogo originato probabilmente da una sigaretta lasciata accesa

Le prime ricostruzioni sembrano confermare che il rogo sia divampato a causa di una sigaretta lasciata accesa, probabilmente dimenticata, al secondo piano dell’istituto, dove si è originato l’incendio. Ai Vigili del Fuoco e agli inquirenti il compito di ricostruire con maggiore precisione le dinamiche del grave incidente.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
cronaca evidenza incendio Istituto Don Gnocchi milano via Palazzolo

ultimo aggiornamento: 28-12-2018


Baronissi (Salerno), titolare officina meccanica morto in agguato

Udine, tappeto islamico e scritte offensive contro il cristianesimo davanti a un presepe