È morto in Giappone l’uomo più anziano del mondo. Aveva 113 anni. La nipote: “Se n’è andato improvvisamente, come se non volesse causare alcun fastidio”.

È morto l’uomo più anziano del mondo. Si tratta di Masazu Nonaka, aveva 113 anni ed era entrato da poco nel Guinness dei primati. Il dolore della nipote: “Se n’è andato improvvisamente, come se non volesse causare alcun fastidio alla sua famiglia“.

Morto Masazu Nonaka, con i suoi 113 anni era l’uomo più anziano del mondo

Masazu Nonaka aveva 113 anni e alla sua veneranda età era entrato da pochi mesi nel Guinness dei Primati come l’uomo più anziano del mondo.

Chi era Masazu Nonaka

Nato ad Ashoro, dove si era lanciato nel mondo del commercio come gestore di uno stabilimento termale, Nonaka, nato il 25 luglio 1905, era diventato una vera e propria icona del Giappone ma non solo.

Negli ultimi anni, come testimoniato dai familiari, era costretto su una sedia a rotelle ma era autonomo per quanto riguarda gran parte delle attività che gestiva.

Dal punto di vista cognitivo Masazu Nonaka era lucido e in buona salute, come testimoniato dal fatto che ogni giorno leggeva i quotidiani.

Dal 1992 era vedovo dopo la morte di sua moglie e madre dei suoi tre figli. Raccontano i suoi cari che Nonaka, nonostante l’età, amava mangiare dolci e guardare gli incontri di sumo in televisione.

Incredula la nipote: “Se n’è andato improvvisamente, come se non volesse causare alcun fastidio alla nostra famiglia”

Incredula la nipote dell’uomo, la quale ha fatto sapere che fino al giorno prima della sua morte Nonaka sembrava in ottima salute. Ancora ignote al momento le cause del decesso.

“Siamo sotto shock per la perdita di una figura così importante. Ieri era di buon umore, come al solito, e se ne è andato improvvisamente, come se non volesse causare alcun fastidio alla nostra famiglia”, ha dichiarato la nipote.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
esteri evidenza giappone guinnes dei primati

ultimo aggiornamento: 20-01-2019


Shutdown, la nuova proposta di Donald Trump

Migranti, gommone in avaria al largo della Libia