Perù, morto suicida l’ex presidente Alan Garcia. Si è sparato in testa poco prima del suo arresto per un caso di corruzione.

Perù sotto shock per la morte dell’ex presidente Alan Garcia, che si è sparato in testa mentre stava per essere arrestato dalla polizia locale per l’accusa di corruzione.

La morte dell’ex presidente ha profondamente scosso l’opinione pubblica che è tornata a riflettere sulla figura di Garcia, il quale era tornato in patria per fare luce sulla sua posizione nel caso di corruzione difendendo e ribadendo la propria innocenza, contestata dagli inquirenti che avevano disposto il suo arresto.

Green Pass obbligatorio, le regole dal 15 ottobre

Alan Garcia
Fonte foto: https://www.facebook.com/alangarciaperu

Perù, morto suicida l’ex presidente Alan Garcia

Alan Garcia è parso subito in condizioni gravissime ed è stato ricoverato con la massima urgenza. Inutili i tentativi dei medici che hanno provato a salvare l’ex numero uno del Perù, che si è sparato in testa proprio mentre gli uomini delle Forze dell’Ordine stavano per formalizzare l’arresto.

Le accuse di corruzione ai danni di Alan Garcia

L’ex presidente del Perù era finito al centro di un caso di corruzione e, secondo le ipotesi investigative, avrebbe incassato tangenti da una società brasiliana impegnata nel campo delle costruzioni. Garcia aveva sempre fatto sapere di essere estraneo ai fatti e quindi innocente, e il suo gesto estremo ha fatto cambiare idea a gran parte dell’opinione pubblica, ora divisa tra chi ha visto nel suicidio dell’ex presidente l’ultimo gesto di un uomo finito e chi invece ha parlato della disperazione di un uomo innocente.

ultimo aggiornamento: 17-04-2019


Notre-Dame non era assicurata, la ricostruzione sarà a carico dello Stato

Tragedia in Portogallo, bus turistico si ribalta a Madeira