MotoGP, i risultati della terza giornata di shakedown. Ktm ancora davanti a tutti. Jorge Lorenzo ritorna in sella alla Yamaha.

SEPANG (MALESIA) – La terza e ultima giornata di shakedown in MotoGP si è chiusa nel segno della Ktm. La scuderia austriaca a Sepang è stata sempre davanti lanciato un chiaro segnale agli avversari anche se il cammino è ancora lungo e ancora i ‘big’ devono scendere in pista.

Questa volta il migliore è stato Pol Espargaro che ha preceduto il fratello (a bordo dell’Aprilia) Aleix e il compagno di squadra Miguel Oliveira. Un risultato da prendere con le molle visto che nessuno degli altri team ha deciso di schierare in pista i piloti ufficiali ma si è deciso di dare fiducia ai collaudatori per continuare lo sviluppo della moto.

Il ritorno di Jorge Lorenzo alla Yamaha

Dopo l’annuncio del ritiro dalle gare, l’ultimo giorno di shakedown è stato segnato dal ritorno di Jorge Lorenzo sulla Yamaha come collaudatore. Un distacco di un secondo dal leader per lo spagnolo che nelle prossime settimane continuerà lo sviluppo della M1 da consegnare a Valentino Rossi e Maverick Vinales.

Un ruolo importante per il pilota iberico che nelle prossime settimane è chiamato a fare da ‘chioccia’ anche a Fabio Quartararo che nel 2021 sbarcherà nel team ufficiale della Yamaha.

Green Pass obbligatorio, le regole dal 15 ottobre

Jorge Lorenzo
fonte foto https://twitter.com/YamahaMotoGP

La Ducati si è affidata a Michele Pirro

La Ducati sogna al titolo e per questo ha deciso sin dal primo giorno di iniziare lo sviluppo della nuova moto. La Rossa si è affidata a Michele Pirro con il collaudatore che in questi tre giorni ha cercato di trovare la messa a punto precisa per consegnare a Dovizioso e Petrucci una moto perfetta.

Niente ultimo giorno per Alex Marquez. Il pilota spagnolo è rimasto a riposo con la Honda che ha presentato la sua nuova moto insieme al fratello Marc.

fonte foto copertina https://twitter.com/YamahaMotoGP

ultimo aggiornamento: 05-02-2020


F1, Marko (Red Bull) punta il dito contro la Ferrari: “In caso di irregolarità protesteremo”

Doping, l’accusa mostra le foto social di Iannone: cura maniacale del fisico