MotoGP, Maverick Vinales il più veloce nei test di Barcellona. Quartararo subito dietro. Terza la Honda di Nakagami.

BARCELLONA (SPAGNA) – Maverick Vinales il più veloce nei test di Barcellona di MotoGP. Dopo aver dato dei buoni segnali nel GP della Catalogna, lo spagnolo è riuscito a centrare la migliore prestazioni nell’unico giorno di prova prima del weekend di riposo in attesa dell’appuntamento in Germania.

Una prova molto importante per la Yamaha. Alle spalle del pilota iberico, infatti, ha chiuso il francese Fabio Quartararo con un distacco poco più di un decimo dal compagno di squadra. Terzo posto per Nakagami.

Ducati e Rossi effettuano delle prove

E’ stata una giornata con molti team che hanno effettuato delle prove in attesa del prossimo appuntamento. Da segnalare il buon quarto crono di Bagnaia con Espargaro, Zarco, Morbidelli, Oliveira e Valentino Rossi a completare la top ten. Davanti al torinese solo Joan Mir.

Per molti team questa giornata è stata l’occasione di ottenere dei dati importanti in ottica futura. In particolare Valentino Rossi è stato protagonista di diversi giri per verificare il motivo della caduta. Per Bastianini e Marini, invece, l’occasione di prendere maggiore confidenza con questa moto. E l’appuntamento in Germania potrebbe essere quello decisivo per il cambio di passo.

Rossi Valentino
Rossi Valentino

La Yamaha favorita per il titolo

La Yamaha dopo questi test si conferma la favorita per il titolo. Nonostante un sesto posto ricco di polemiche, Quartararo continua ad essere in testa al Mondiale e la giornata di Barcellona è stata fondamentale per ribadire la forza della moto.

La Ducati continua ad essere la principale rivale del team giapponese. Per la Honda, invece, il cammino continua ad essere tortuoso. La scuderia di Marquez spera di riuscire a cambiare passo con l’obiettivo di centrare il prima possibile un podio e dare una svolta all’intero campionato.


Formula 1, tra Hamilton e Verstappen è 0-0. Vettel ritrova podio e sorriso, la Ferrari bene a metà

Benzina a 1,6 euro al litro: è ai massimi da due anni