Multa Kessie, l'agente: "Dal Milan ci attendevamo più riservatezza"

Multa Kessie, l’agente: “Dal Milan ci attendevamo più riservatezza”

Ieri l’incontro tra Kessie, Leonardo e Maldini. Dopo l’analisi della lite con Biglia e la conferma della multa, arrivano le lamentele dell’agente

Giornata cruciale, ieri, per chiarire definitivamente lo spiacevole episodio della lite tra Lucas Biglia e Franck Kessie. Il calciatore ivoriano infatti, dopo essere tornato dalla lunga trasferta con la sua nazionale, è stato ricevuto in sede da Leonardo e Maldini. Come riporta in maniera dettagliata La Gazzetta dello Sport, al calciatore è stato fatto rivedere il video incriminato. La mancata stretta di mano a Conti al momento della sostituzione e le parole grosse volate con Biglia nel corso dell’ultimo Milan-Inter non potevano passare inosservate.

Milan: per Kessie multa e probabile punizione “tecnica”

Kessie è stato informato di dover pagare una multa di 40.000 euro: il doppio di quella inflitta a Lucas Biglia. Una sanzione pecuniaria differente, legata alla maggior gravità del comportamento assunto dal giovane giocatore ivoriano.

L’ex Atalanta si incontrerà oggi con Gattuso: è in forte dubbio la sua presenza in campo contro la Samp. La volontà del mister sarebbe infatti quella di tenerlo in panchina, sia per una condizione non ottimale che per una scelta legata alle intemperanze nel derby. La situazione complessiva, a quanto pare, non è andata molto a genio al procuratore di Kessie, George Atangana.

Milan, il procuratore di Kessie: “Serviva più riservatezza”

Franck Kessie ha accettato la multa e da oggi riprenderà a lavorare assieme ai compagni per raggiungere il grande obiettivo di fine anno: quello di raggiungere, sette anni dopo l’ultima volta, la qualificazione ai gironi di Champions League.

Atangana, agente di Kessie, ha però voluto precisare alcuni aspetti nella gestione mediatica del “caso” in questione che non sono piaciuti. “Franck ha sbagliato e lo sa, questa è la premessa. Tutto doveva però essere trattato con maggior riservatezza, così invece ha avuto un gran clamore. Anche per noi, ad ogni modo, il caso si chiude qui”.

ultimo aggiornamento: 29-03-2019

X