Napoli, De Laurentiis si scusa con Benzema: “Non è vecchio, ma non fa per noi”

Il presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, era stato definito pazzo da Benzema dopo averlo apostrofato come ‘vecchio’.

La dialettica colorita e a volte fuori luogo di Aurelio De Laurentiis, presidente del Napoli, ha ieri aperto un piccolo caso diplomatico. Durante un’intervista, il patron azzurro ha infatti apostrofato come ‘vecchi’ Benzema e Di Maria, causando lo sdegno del primo che, su Instagram, ha risposto dando del pazzo all’imprenditore romano.

Quest’oggi, in un’altra intervista riportata dalla Gazzetta dello Sport, De Laurentiis ha voluto riaggiustare il tiro, chiedendo scusa al campione francese: “Non è oggi un giocatore che fa per noi. Mi dispiace si sia arrabbiato, non volevo mancargli di rispetto. Magari qualche anno fa lo avremmo preso. E neanche Di Maria lo è. Cavani? Non l’ho preso e non lo prenderò“.

Napoli, De Laurentiis fa il punto del mercato

Dopo essersi chiarito con Benzema, il presidente dei partenopei ha parlato anche più in generale del mercato azzurro: “Mariano Diaz, non lo conosco nemmeno. Vidal? Lo seguivamo anni fa, oggi no. Voglio profili giovani. Arias ci piace, come anche Lainer: i procuratori dell’austriaco ci hanno deluso e gli abbiamo chiuso la porta in faccia. Ci sono altri quattro giocatori in quel ruolo che stiamo valutando. Storari come terzo portiere? Non mi risulta la trattativa, ma può essere una cosa che sta seguendo Giuntoli“.

De Laurentiis tra Cristiano Ronaldo e Sarri

Dopo aver raccontato ancora del grande rifiuto a CR7, in quanto “non era un’operazione per le tasche del Napoli“, De Laurentiis è tornato a parlare di Sarri, non lesinando per l’ennesima volta una stoccata feroce: “Dice che entrambi abbiamo sbagliato? Io non credo di aver fatto errori. Anche nel momento in cui non l’ho contestato non ho sbagliato, perché sarebbe stata la cosa più ovvia per come si stava comportando rinviando. Aveva un contratto, avrei potuto dirglielo perché stava facendo un atto non accettabile nei confronti di calciatori che lui stesso aveva valutato di non grandissimo calibro. Questi giocatori gli hanno dato tanto, li ha violentati nei suoi fantastici allenamenti ma loro hanno sempre risposto alla grande“.

Poi, cosa ancor più grave“, ha chiosato il presidente, “voleva smontarmi la squadra, portandola tutta in Inghilterra. Ho dovuto fare la voce grossa per farmi garantire che da qui non si sarebbe mosso nessuno. Poi si è preso Jorginho, perché ad Ancelotti piace Diawara e c’era l’intenzione di spostare Hamsik in quella posizione“.

Nel video alcune giocate di Benzema, possibile neo acquisto non del Napoli, ma del Milan di Gattuso:

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 21-07-2018

Mauro Abbate

X