Milan, Niang rifiuta lo Spartak e presenta un certificato medico…

5 paesi low cost dove rifarsi una vita

L’attaccante francese non si allenerà per i prossimi dieci giorni a causa di stress: Niang ha prodotto infatti un certificato medico. L’ex Genoa continua a rifiutare l’allettante proposta dei russi e aspetta il Torino…

M’Baye Niang non si rivedrà dalle parti di Milanello prima di settembre. E, forse, neanche a inizio del prossimo mese se il club rossonero riuscirà a chiudere per la cessione dell’attaccante francese. Poche ore fa, infatti, è trapelata la notizia secondo cui il classe ’94 ha presentato al Milan un certificato medico che gli consentirà di saltare gli allenamenti e impegni dei rossoneri per i prossimi dieci giorni: nel referto, si parla di una dichiarata situazione di stress, probabilmente legata alle voci di mercato. Non una novità in questa estate, dopo che lo stesso hanno fatto i vari Bernardeschi, Kalinic e Keita.

L’offerta dello Spartak Mosca

Su Niang, da alcuni giorni, c’è il forte interesse dello Spartak Mosca: il club campione di Russia allenato da Carrera si è spinto fino a 23 milioni per il Milan e a oltre tre netti di ingaggio per l’ex Caen. I rossoneri hanno detto di sì ma il francese ci ha ripensato alla vigilia delle visite mediche. Il 22enne non sarebbe convinto di trasferirsi a Mosca.

Torino sornione

Dietro al ripensamento di Niang potrebbe esserci anche la volontà di trasferirsi al Torino, dove sarebbe accolto a braccia aperte da Mihajlovic. Il club granata, che deve resistere all’assalto su Belotti da parte del Monaco, ha avuto contatti con Mino Raiola, agente dell’attaccante transalpino. Al momento, tuttavia, la società di Cairo non va oltre i 12 milioni per il cartellino del giocatore mentre il Milan non vuole scendere dai 18, forte anche dell’offerta arrivata dalla Russia. Entro una settimana, in ogni caso, si deciderà il futuro di Niang. Il quale, nel frattempo, non sarà presente a Milanello…

Ricevi le ultime notizie sul Milan, lascia la tua email qui sotto:

Privacy Policy
Se ti è piaciuta la notizia, condividila sui social!

ultimo aggiornamento: 23-08-2017

Fabio Acri