Opel Astra K: la quinta serie della classica compatta del Fulmine

Grande classico delle compatte di fascia media, l’Opel Astra è giunta alla quinta generazione, abbinando buone prestazioni a consumi contenuti e a nuove tecnologie per ridurre le emissioni.

L’Astra è un modello di auto prodotto dalla casa automobilistica tedesca Opel. La prima generazione, che nella gamma della casa del Fulmine sostituiva la quinta serie della Kadett, venne messa sul mercato nel 1991 con la denominazione ‘Opel Astra F’ e rimase in produzione fino al 1998. Dal 2015 è in commercio la quinta serie, l’Opel Astra K, realizzata sia in configurazione cinque porte (berlina – coupé) sia Sports Tourer (station wagon). Insignita del premio ‘Auto dell’Anno’ nel 2016, venne presentata al Salone dell’Auto di Francoforte nel 2015; viene assemblata in due stabilimenti Opel: quello di Gliwice in Polonia e quello di Ellesmere Port, nel Regno Unito.

Scheda tecnica, design e allestimenti

Come detto, l’Opel Astra viene prodotta in due configurazioni: 5 porte e Station Wagon. La prima appartiene al segmento delle berline compatte, per via degli ingombri contenuti: 4.370 mm di lunghezza, 1.814 mm di larghezza e 1.485 mm di altezza. La versione Sports Tourer si allunga di quasi 40 cm (arrivando a 4.702 mm di lunghezza) e sfiora il metro e mezzo d’altezza (1.499 mm) mentre l’interasse di entrambe misura 2.662 mm. Per l’assemblaggio della Astra, la Opel impiega la piattaforma D2XX della General Motors, adoperata anche su alcuni modelli di Chevrolet e Buick. Solo per alcune motorizzazioni, la casa tedesca offre anche sospensioni posteriori con parallelogramma di Watt.

Per quanto riguarda l’estetica, l’Opel Astra è disponibile nei seguenti colori di carrozzeria: Royal Blue, Summit White, Sovereign Silver, Magnetic Silver, Emerald Green, Dark Caramel, Absolute Red, Mineral Black, Cosmic Grey, Darkmoon Blue e Rouge Brown. I cerchi in lega sono disponibili in tre dimensioni: bicolor 18”, 17” a cinque o dieci razze e 16” (a 5 razze argentate doppie o a 10 razze). Gli interni prevedono rivestimenti in pelle di Siena.

La dotazione di serie varia in base agli allestimenti: la versione berlina base offre i cerchi in lega da 16” in acciaio con copriruota e un set completo di airbag mentre la SW ha in dotazione anche i sedili posteriori abbattibili 60/40. Il livello Advance propone l’Onstar, il sistema R 4.0 IntelliLink con 4 altoparlanti, computer di bordo e cruise control con limitatore di velocità. La versione Dynamic si caratterizza per i cerchi da 17” a 5 razze doppie, la modalità di guida Sport e i fendinebbia anteriori.

Il livello top di gamma – Innovation – per la 5 porte include: sensori di parcheggio anteriori e posteriori, specchietti retrovisori regolabili elettricamente, sedile sportivo per il guidatore e sistema Opel Eye, che comprende TSA (Traffic Sign Assistant), LDW (Lane Departure Warning) con Lane Keep Assist (LKA) e FDI (Following Distance Indication). La connettività di bordo prevede anche il navigatore con Apple CarPlayTM e Android AutoTM.

Opel Astra
Fonte immagine: https://twitter.com/Opel

Motorizzazioni Opel Astra

La gamma di motorizzazioni disponibili per la nuova Opel Astra, sia berlina che station wagon, costituisce un’offerta piuttosto articolata, per taratura ed alimentazioni. I propulsori a benzina sono tre: il turbo 1.0 T ecoFLEX è un tre cilindri in linea da 998 cc di cilindrata; sviluppa 105 CV di potenza ad un regime di 3.700 giri, è abbinato alla trazione anteriore e ad un cambio meccanico a cinque rapporti. Dal punto di vista prestazionale, fa registrare una velocità massima di 200 km/h e un’accelerazione da 0 a 100 km/h in 11.2 secondi.

Il motore 1.4 Ecotec, invece, è un 4 cilindri in linea aspirato a trazione anteriore. Eroga una potenza di 100 CV a 6.000 giri, è in grado di sospingere l’Astra fino a 185 km/h e di scattare da 0 a 100 km/h in 13.4 secondi. La gamma delle power unit a benzina si completa con il turbo 1.4 T, un altro quadricilindrico a trazione anteriore. Offerto nella taratura da 150 CV, viene abbinato ad un cambio meccanico a sei marce ed offre i riscontri prestazionali migliori: 215 km/h di velocità di punta e 8.5 secondi per passare da 0 a 100 km/h. Solo per l’allestimento OPC Line della versione berlina è disponibile un’ulteriore motorizzazione, l’1.6 turbo SHT da 200 CV con cambio automatico in grado di spingersi fino a 235 km/h.

L’Opel Astra diesel, invece, conta una sola unità. Si tratta del turbo diesel 1.6 CDTi, un quattro cilindri in linea a trazione anteriore abbinato ad una trasmissione meccanica a sei rapporti. La versione da 95 CV è in grado di spingere la vettura fino ad un limite di 185 km/h e di raggiungere i 100 km/h da fermo in 12.7 secondi; il taglio da 110 CV, invece, ritocca verso l’alto le prestazioni (10 km/h in più di velocità massima) mentre l’unità da 136 CV sfonda il muro dei 200 km orari (205 km/h) e tocca i 100 km/h da fermo in meno di 10 secondi. Di questo power train esiste anche la variante biTurbo, in grado di erogare 160 CV. A partire da luglio 2018, a seguito di un aggiornamento, la Opel offre questa motorizzazione – disponibile solo per gli allestimenti Innovation e OPC Line –  in combinazione con la tecnologia di riduzione catalitica selettiva (SCR) grazie al quale il biTurbo è in grado di rientrare nella normativa Euro 6d-TEMP. Grazie anche al maggior numero di cavalli, le prestazioni sono le migliori di gamma: 220 km/h di velocità massima e 8.6 secondi per raggiungere i 100 km/h da fermo.

Consumi ed emissioni

In base ai dati forniti dal costruttore, i valori indicanti i consumi (in ciclo combinato) le emissioni delle motorizzazioni abbinate all’Opel Astra sono le seguenti:

  • 1.0 Turbo ecoFLEX 105 CV Start&Stop (sia con cambio manuale che Easytronic): 4.6-4.5 l/100 km (105-103 g/km)
  • 1.4 Turbo 150 CV Start&Stop (cambio manuale): 5.1-4.9 l/100 km (117-114 g/km)
  • 1.4 Turbo 150 CV Start&Stop (cambio automatico): 5.5-5.4 l/100 km (127-124 g/km)
  • 1.4 Turbo 110 CV ecoM (cambio manuale): 4.1-4.3 kg/100 km (113-116 g/km)
  • 1.6 Turbo SHT 200 CV (cambio manuale): 6 – 6.2 l/100 km (139 – 142 g/km)
  • 1.6 Turbo SHT 200 CV (cambio automatico): 6.1-6.0 l/100 km (141-138 g/km)
  • 1.6 CDTI 110 CV Start&Stop (cambio manuale): 3.5-3.4 l/100 km (93-90 g/km)
  • 1.6 CDTI 136 CV Start&Stop (cambio manuale): 3.9-3.8 l/100 km (103-99 g/km)
  • 1.6 CDTI 136 CV (cambio automatico): 4.5-4.4 l/100 km (119-115 g/km)
  • 1.6 BiTurbo CDTI 160 CV (cambio manuale): 4.1-4.0 l/ 100 km (109-106 g/km)

Il listino prezzi Opel Astra

I prezzi di listino della Astra variano in base alla combinazione tra motorizzazione, allestimento e configurazione. L’Opel Astra cinque porte viene offerta a partire da 17.650 euro (allestimento base con motore benzina 1.4 EcoTech); il livello Dynamic, invece, è a listino a partire da 21.700 euro, quasi tremila in meno della versione Advance, acquistabile a partire da 24.000 euro. Leggermente inferiore il prezzo di partenza della variante Innovation, offerta a partire da 23.350; il livello top di gamma, l’Opel Astra OPC Line, costa 24.550 euro. La gamma SW, priva del livello OPC Line, presenta prezzi molto simili: si va dai 18.650 euro necessari per l’acquisto di una versione base ai 25.000 euro del livello Advance.

Fonte immagine: https://www.flickr.com/photos/opelblog/35655843746

Fonte immagine: https://twitter.com/Opel

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 18-07-2018

Redazione Napoli

X