La difficoltà del mercato del lavoro per i giovani preoccupa sempre di più. La pensione di garanzia potrebbe essere una soluzione.

Il Presidente Inps Pasquale Tridico, durante il convegno Inapp, è stato chiaro: serve uno sguardo maggiore ai giovani, ai precari, e al loro futuro. Secondo Tridico i giovani avrebbero bisogno di un lavoro e di salari meno bassi. Perché se si pone il problema della pensione di garanzia è proprio per i salari insufficienti. “I bassi salari sono il principale problema del mercato del lavoro” ha ribadito inoltre.

Tridico ha continuato spiegando che il salario minimo è qualcosa che in Italia va riformulato, prima di richiamare l’attenzione sui numeri. “Circa 4, 5 milioni e mezzo guadagnano meno di 9 euro lordi l’ora: una cifra impressionante” ha spiegato. Tra l’altro si pone anche il problema del lavoro in sé, che scarseggia. Come ha spiegato Tridico il 46% dei lavoratori è part-time involontario e non ha dunque “un salario minimo dignitoso”.

giovani al lavoro

L’ipotesi della pensione di garanzia si apre anche in virtù del fatto che molti giovani hanno carriere di lavoro frammentate o discontinue. Così facendo la pensione classica potrebbe essere così bassa da dover indurre poi il cittadino a richiedere sussidi e assistenza.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

La proposta della pensione di garanzia

Circola già da un po’ la proposta della pensione di garanzia ma soltanto adesso se ne sta tornando a parlare concretamente. Si tratterebbe di circa 1000 euro lordi al mese di pensione dai 65 anni. La pensione partirebbe con 40 anni di lavoro che, però, includerebbe anche quelli instabili. Non ci sarebbe nessun anticipo pensionistico e dunque per lo Stato si porrebbe il vantaggio di spostare la spesa in avanti senza compensare adesso i buchi contributivi dei precari.

La pensione di garanzia si rivolgerebbe soltanto ai giovani precari e non a quelli che, anche se inizialmente precari, sono poi riusciti ad avere una carriera lavorativa stabile.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 31-03-2022


Bonus sconto in bolletta da aprile 2022: cos’è e come fare a ottenerlo

Le bollette tornano a scendere