Pietro Anastasi malato, il figlio: "Aveva la Sla. Ha deciso lui di andarsene"

Morte Anastasi, il figlio: “Papà malato di Sla. Ha deciso lui di andarsene”

Pietro Anastasi malato. Il figlio dell’ex attaccante svela: “Papà era malato di Sla, ha deciso lui di andarsene. Soffriva troppo”.

VARESE – Pietro Anastasi era malato di Sla. A rivelarlo è stato il figlio Gianluca ai microfoni dell’Ansa: “Papà lo ha scoperto tre anni fa dopo essere stato operato di un tumore all’intestino. Gli ultimi mesi sono stati devastanti. Ha deciso lui di andarsene con una sedazione assistita per poter morire serenamente. Ha chiamato mamma e ci ha detto di volerla subito“.

Pietro Anastasi malato: “E’ morto in 40 minuti”

Il figlio dell’ex attaccante ha raccontato il lungo calvario del padre: “Tutto è cominciato tre anni fa con dei dolori al braccio e alla gamba. Abbiamo fatto degli esami che hanno portato alla luce un tumore all’intestino ma il problema non si era risolto. Così i controlli hanno evidenziato la Sla“.

Anastasi è stato tenuto all’oscuro di tutto fino a tre mesi fa: “Abbiamo preferito non dirglielo anche se lui lo aveva capito. Da allora la cosa è precipitata con papà che non riusciva a respirare e a camminare. Gli è stata consigliata la tracheotomia ma lui ha deciso di seguire il percorso della malattia”. E sulle ultime ore ha svelato: “Il giorno della sedazione lui era cosciente. Ha prima salutato mio fratello in America e poi parlato con noi. In 40 minuti si è addormentato e il giorno dopo si è spento“.

Pietro Anastasi Juventus
fonte foto https://twitter.com/juventusfc

I funerali di Pietro Anastasi

I funerali di Pietro Anastasi sono in programma lunedì 20 gennaio 2020 a Varese nella basilica di San Vittore. Una seconda casa per lui la città lombarda, visto che si era trasferito a soli sedici anni per iniziare l’esperienza da calciatore.

E da domenica molte persone si recheranno a Palazzo estense per dare l’ultimo saluto al campionissimo italiano. Una scomparsa che lascia un vuoto incolmabile nel mondo del calcio.

fonte foto copertina https://twitter.com/juventusfc

ultimo aggiornamento: 19-01-2020

X