È stato assegnato a David Card, Joshua D. Angrist e Guido W. Imbens il Premio Nobel per l’Economia 2021.

David Card, Joshua D. Angrist e Guido W. Imbens hanno ricevuto il Premio Nobel per l’Economia 2021: il primo è stato premiato per i suoi studi sull’economia del lavoro, Angrist e Imbens per i loro studi legati all’analisi delle relazioni causali.

La Royal Swedish Academy of Sciences ha deciso di assegnare il Premio Sveriges Riksbank 2021 per le scienze economiche in memoria di Alfred Nobel con una metà a David Card per i suoi contributi empirici all’economia del lavoro ′′ e l’altra metà congiunta a Joshua D. Angrist e Guido W. Imbens per i loro contributi metodologici all’analisi delle relazioni causali“, si legge nel post condiviso su Facebook.

Di seguito il video dell’annuncio dei vincitori del prestigioso riconoscimento.

Green Pass obbligatorio, le regole dal 15 ottobre

Premio Nobel per l’Economia 2021 a Card, Angrist e Imbens: le motivazioni

Come si legge nel comunicato stampa, “David Card, Joshua Angrist e Guido Imbens ci hanno fornito nuove intuizioni sul mercato del lavoro e hanno mostrato quali conclusioni su causa ed effetto possono essere tratte da esperimenti naturali. Il loro approccio si è diffuso in altri campi e ha rivoluzionato la ricerca empirica“.

Gli studi di David Card

In particolare, David Card ha analizzato gli effetti sul mercato del lavoro dei salari minimi, immigrazione e istruzioni. I suoi studi hanno portato alla creazione di nuovi modelli di analisi. Una delle più importanti conclusioni è che aumentare il salario minimo non comporta necessariamente ad una riduzione dei posti di lavoro.

Gli studi di Joshua D. Angrist e Guido W. Imbens

Angrist e Wimbens hanno ricevuto il prestigioso premio per i loro contributi metodologici all’analisi delle relazioni causali.

ultimo aggiornamento: 11-10-2021


Sciopero generale, Alitalia cancella 127 voli. Manifestanti in piazza in diverse città italiane: tensioni a Roma, Napoli e Torino

Draghi visita la sede della Cgil. Landini, “Il passato non deve tornare”