La Cattolica Assicurazioni si avvia a un profondo ricambio del consiglio, come chiesto dall’Ivass. Davide Croff è in pole per succedere a Paolo Bedoni.

VERONA – Il cda di Cattolica ha definito giovedì una rosa per il rinnovo del consiglio in vista dell’assemblea del prossimo 13 e 14 maggio.

Cattolica, nuova governance

I nomi sono stati scelti con il supporto dell’advisor Spencer Stuart, secondo la richiesta dell’Ivass: l’istituto di vigilanza ha rilevato significative carenze nella governance della compagnia in una precedente ispezione.

https://www.youtube.com/watch?v=KM8ac4Zq_7Y&ab_channel=ADVexpressTV

Il nome di Davide Croff

Secondo indiscrezioni raccolte dall’ANSA, il favorito a diventare il nuovo presidente della compagnia assicurativa veronese è Davide Croff. Veneziano, 73 anni, banchiere e manager di lungo corso, con esperienze in Banca d’Italia, Fiat, Bnl, di cui è stato per molti anni amministratore delegato, ex presidente della Biennale di Venezia e di Permasteelisa ma in passato anche consigliere della Banca Popolare di Milano Bpm e di diverse società quotate, tra cui Terna e Snam. A lui con molta probabilità il ruolo che lascia Paolo Bedoni.

Il prossimo cda

Oltre a Croff, ci sono Camillo Candia, ex ceo di Zurich Italia, a cui potrebbe andare la vice presidenza mentre le uniche conferme previste sono quelle dell’ad Carlo Ferraresi e dei tre consiglieri in quota Generali ( Stefano Gentili, Roberto Lancellotti, Elena Vasco), estranei ai rilievi dell’Ivass. La rosa di 15 candidati dovrebbero comprendere anche Luigi Migliavacca, Cristiana Procopio, Daniela Saitta, Giulia Staderini, Paolo Benazzo e Pierpaolo Marano, professore associato di diritto delle assicurazioni all’Università Cattolica, ‘tecnico’ considerato in area Ivass. Silvia Arlanch, Laura Santori e Carlo Maria Pinardi dovrebbero essere gli amministratori candidati a membri del comitato per il controllo sulla gestione Il termine per la presentazione delle liste scade il 18 aprile.


Borse 15 aprile, Piazza Affari in negativo. Spread sopra i 100 punti

Stellantis, Tavares fissa l’obiettivo: nel 2025 il 38 per cento delle auto vendute in Europa sarà elettrico