Le previsioni del Forum Ambrosetti sul Pil italiano nel 2021: “Crescita del 3,3 per cento. Serve un cambio di passo sui vaccini”.

ROMA – Le previsioni del Forum Ambrosetti sul Pil italiano sono migliori rispetto al 2020. La crescita del nostro Paese dovrebbe essere del 3,3%, con una forbice che va dal 2,5% al 4,9%.

Il nostro modello – ha precisato l’amministratore delegato Valerio De Molli, riporato dall’Ansaprende atto delle grandi incertezze che caratterizzano il 2021 a causa delle difficoltà di prevedere le evoluzioni della pandemia, le sue conseguenti ricadute economiche, la rapida somministrazione dei vaccini e il ritorno alla normalità“.

Forum Ambrosetti sui vaccini

Dal Forum Ambrosetti un invito a correre sui vaccini: “Per raggiungere l’immunità di gregge entro settembre, occorre triplicare il ritmo delle vaccinazioni, somministrando circa 460mila dosi al giorno. Se procedessimo al ritmo di vaccinazione attuale di 157mila dosi al giorno, vaccinando tutti con 2 dosi, la copertura dell’80% sarebbe raggiunta entro l’agosto 2022“.

Numeri che dovrebbero essere aggiornati nei prossimi giorni. Nell’ultima settimana, infatti, le vaccinazioni giornaliere hanno superato quota 200mila giornaliere e il premier Draghi si augura di arrivare presto a 500mila anche con l’aiuto di Johnson and Johnson. In questo caso l’immunità di gregge potrebbe essere raggiunta entro settembre, ma il commissario Figliulo si augura di poter completare la vaccinazione degli italiani entro l’autunno.

Euro risparmi
Euro risparmi

La ripresa dipende dai vaccini

Una campagna di vaccinazione che potrebbe contribuire alla ripresa dell’economia. Con il passare delle settimane, le restrizioni dovrebbero diminuire e il ritorno alla normalità di avvicina.

Molto dipenderà dalla somministrazione dei vaccini e dalla velocità di raggiungere il prima possibile l’immunità di gregge. L’obiettivo resta quello completare la vaccinazione entro l’anno e ritornare alla normalità entro la fine dell’estate. E il secondo trimestre potrebbe essere fondamentale per il cambio di passo e per cercare di rispettare le tempistiche che sono state fissate nei mesi precedenti.


Mercato auto, Peugeot e FIAT trascinano Stellantis

Alitalia, dall’Ue via libera a ristori per quasi 25 milioni di euro