Formula 1, quanto costano gli incidenti. Nel 2021 dopo nove gare sono stati spesi in totale 16.640.000 dollari per le riparazioni.

Con la Formula 1 alle prese con le spese limitate dal regolamento, i team stanno letteralmente facendo i conti con gli incidenti. Le monoposto sono tanto belle quanto delicate e preziose. E la manutenzione straordinaria è una voce di spesa pericolosa.

Quanto costano gli incidenti di Formula 1: il bilancio dopo le prime nove gare

Una panoramica abbastanza indicativa viene da Reddit, dove un utente sta tenendo il conto dei soldi spesi per gli incidenti. Secondo u/basspro24chevy, l’utente Reddit in questione, dopo appena nove GP di un mondiale che prevede più di venti gare sono stati spesi 16.640.000 dollari solo per riparare i danni degli incidenti.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Carlos Sainz
Carlos Sainz

La classifica piloti

Dopo nove Gran Premi al primo posto della classifica dei piloti distruttori troviamo Bottas. Il pilota della Mercedes paga per l’incidente fatto a Imola dove in realtà non ha grandi responsabilità. Arrivando al sodo, il team ha speso una cifra vicina ai 2.345.000 dollari per sistemare la monoposto di Bottas.

Al secondo posto c’è Yuki Tsunoda, che ha collezionato incidenti a Imola, Monaco, Azerbaijan e Francia per un totale di 2.024.000 dollari circa.

Sul gradino più basso del podio dopo nove GP troviamo Mick Schumacher, che paga per gli incidenti a Imola, Monaco e Francia. Le riparazioni sono costate 1.906.000 dollari circa.

Fuori dal podio Charles Leclerc che comunque ha presentato un conto da 1.405.000 dollari circa agli uomini della Ferrari.

Una nota di merito va a Lando Norris che nelle prime nove gare della stagione non ha rimediato danni alla sua monoposto. E il team ringrazia calorosamente.

Valtteri Bottas
Valtteri Bottas

La classifica costruttori

Per quanto riguarda la classifica costruttori la Mercedes è al primo posto seguita dalla Haas. Ultimo gradino del podio per l’AlphaTauri. Quinta posizione per la Ferrari con 1.575.000 dollari circa per le riparazioni.


Completato il nuovo rivoluzionario simulatore della Ferrari

Gentiloni: “Il Pnrr italiano è molto impegnativo”