Il Financial Times rilancia l’ipotesi dell’acquisto del gruppo FCA da parte di Renault-Nissan. Trema il mercato delle auto.

Stando a una clamorosa indiscrezione rilanciata dal Financial Times, il gruppo Renault-Nissan sarebbe intenzionato a presentare un’offerta per rilevare la FCA, Fiat Chrysler Automobiles, uno dei colossi del mondo automobilistico rilanciato da Marchionne.

Financial Times – Ranault interessata all’acquisto di FCA

Dopo aver completato l’acquisizione di Nissan, Renault avrebbe quindi messo gli occhi sul gruppo FCA per formare uno dei poli più importanti, influenti e imponenti nel mondo del mercato automobilistico.

Il gruppo FCA vive un buon momento storico, ma un cambio di rotta – anche repentino – potrebbe non essere da escludere alla luce del fatto che per quanto riguarda le cosiddette macchine del futuro il Lingotto è particolarmente in ritardo e rischia di subire la concorrenza spietata di Golf e Vokswagen, che hanno stipulato un patto per la produzione di macchine green. Da qui a considerare credibile l’ipotesi di una cessione ovviamente ce ne passa.

FCA
Fonte foto: https://www.facebook.com/pg/FCA-Fiat-Chrysler-group

Anche Psa interessata a FCA

Ma Renault non sarebbe l’unico potenziale acquirente alla porta dei vertici di FCA. Nelle scorse settimane era infatti emerso l’interessamento da parte del gruppo Psa, il gruppo che vanta marchi come Peugeot, Citroën, DS, Opel e Vauxhall Motors. Proprio dalla famiglia Peugeot, marchio leader del gruppo, erano emerse conferme su un interessamento al fiore all’occhiello dell’economia e dell’industria italiana.

Le indiscrezioni legate al mercato asiatico

Non solo. Oltre ai francesi si sarebbero fatti avanti anche i coreani della Hyundai e, diversi giornalisti del settore, avevano lanciato anche il monito legato ai gruppi cinesi, pronti ad affacciarsi sul mercato italiano dopo la firma del Memorandum sulla Via della Seta.

La ‘profezia’ di Marchionne

Al momento non è noto se e quanto sia fondata l’indiscrezione rilanciata dai media statunitensi, ma la voce sembra riflettere quanto detto da Marchionne. Secondo il fu numero uno di FCA, il mondo del mercato dell’auto sarebbe stato destinato a una concorrenza serrata che avrebbe portato alla sopravvivenza di pochi gruppi e sempre più potenti.


Allarme di Confindustria, Italia ferma. Azzerata la stima del Pil per il 2019

Contributo unificato pignoramento presso terzi