Con l’arrivo dell’estate diventa quasi indispensabile utilizzare il condizionatore, vediamo ora come si ricarica l’aria condizionata in auto.

Soprattutto d’estate, quando le temperature salgono, non si può fare a meno dell’aria condizionata in auto. Sotto il sole i nostri veicoli si trasformano in veri e propri forni, per questo ormai il condizionatore è diventato da diverso tempo un optional presente in tutte le automobili (attenzione però a rispettare il Codice della Strada per quel che riguarda il climatizzatore per non rischiare multe per l’aria condizionata in macchina), a volte può però capitare che pur accendendolo non esca dai bocchettoni quell’aria fredda che vorremmo. Cosa fare in questi casi? Può bastare ricaricare l’aria condizionata dell’auto: vediamo ora insieme come si ricarica il condizionatore dell’auto.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Ricarica aria condizionata dell’auto

Quando si deve ricaricare il condizionatore dell’auto sarebbe meglio, soprattutto nel caso in cui non siate particolarmente esperti, rivolgersi a un’officina meccanica, in questo modo sarete sicuri che a occuparsi di questa operazione siano professionisti che possono anche controllare che il problema la mancanza del gas refrigerante.

Condizionatore auto
Condizionatore auto

Ricarica condizionatore auto: prezzi

Ma quanto costa ricaricare l’aria condizionata dell’auto? I costi sono abbastanza contenuti. Solitamente nelle officine, nel caso in cui non ci siano pezzi da sostituire, ma solamente aggiungere il gas refrigerante, i prezzi vanno dai 50 agli 80 euro. Nel caso in cui siano necessari anche altri interventi, come la sostituzione del filtro antipolline, vi verranno chiesti dai 30 ai 50 euro in più.

Ricarica climatizzatore auto fai da te

E’ possibile ricaricare il climatizzatore dell’auto senza dover per forza recarsi in un’officina? La risposta è sì, ma bisogna fare molta attenzione. Prima di iniziare l’operazione bisogna munirsi di guanti e mascherina di protezione, inoltre al ricarica dell’aria condizionata dell’auto va effettuato in locali che siano ventilati (assolutamente vietato farlo nel proprio garage chiuso).

Bisogna poi assicurarsi di utilizzare il gas refrigerante giusto (solitamente le auto più vecchie utilizzano il gas R134, quelle più nuove il gas R1234yf). Dopo aver acquistato il kit specifico da un revinditore di ricambi d’auto. Il gas refrigerante dovrà essere inserito nell’apposita valvola di riempimento, dopodiché bisognerà accedere il motore dell’automobile e l’impianto di climatizzazione.

Ma ripetiamo: nel caso in cui dobbiate ricaricare l’aria condizionata dell’auto è sempre meglio, per questioni di sicurezza, rivolgersi a un’officina autorizzata.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 21-06-2022


Vespa 50 Special: arriva la versione elettrica Special-e

Multe: ecco la classifica dei Comuni italiani che hanno incassato di più