Nato a Trieste il 24 settembre 1955, Riccardo Illy ha guidato per anni l’omonima azienda del caffè fondata dal nonno. Per otto anni è stato sindaco del capoluogo del Friuli Venezia-Giulia per poi divenire presidente della Regione.

Riccardo Illy nasce a Trieste il 24 settembre 1955. E’ noto per esser stato ad e vicepresidente dell’omonima azienda di famiglia e, successivamente, amministratore pubblico alla guida della città e della regione natia.

Green Pass obbligatorio, tutte le regole da rispettare

Riccardo Illy e il caffè

Nato in una famiglia valdese di origini ungheresi, il nonno Francesco fondò nel 1933 l’Illycaffè. Dopo il diploma, naturalmente, Riccardo entra nell’azienda: fondamentale il suo lavoro nello sviluppo del merchandising, creando il settore marketing e riorganizzando la struttura commerciale. Dal 1992 al 1995 è stato amministratore delegato mentre dal 1995 fino ad oggi ha occupato nella stessa azienda il ruolo di vicepresidente.

https://www.youtube.com/watch?v=8ukQ7y6Po4E&ab_channel=DomoriWebTv

Sindaco di Trieste

In occasione delle elezioni amministrative del 1993 è eletto sindaco di Trieste, sostenuto da una coalizione di Centrosinistra, con lo slogan “Il Sindaco espresso dai cittadini”. Ricandidatosi alle elezioni del 1997, ottiene un secondo mandato, conclusosi nel 2001.

Presidente della Regione

Dopo aver contribuito a cambiare la legge elettorale del Friuli-Venezia Giulia e dopo aver promosso la nascita della lista civica Cittadini per il Presidente, è stato eletto Presidente della Regione il 9 giugno 2003 con il 53,1% dei voti alla guida di Intesa Democratica, una coalizione comprendente partiti e movimenti dell’Ulivo. Si dimette dalla carica di Presidente della Regione il 7 febbraio 2008 per consentire di votare lo stesso giorno per le elezioni politiche e le amministrative, e successivamente si ricandida. Nelle elezioni regionali del 2008 raccoglie il 46,18% dei voti e viene sconfitto dallo sfidante Renzo Tondo.

ultimo aggiornamento: 24-09-2021


Il Governo accoglie l’ordine del giorno: virologi in tv solo se autorizzati. Scoppia la polemica

Quattro anni fa le ultime elezioni federali in Germania: vince la Cdu, Grosse Koalition con la Spd