Governo e sindacati continuano a discutere sulla riforma delle pensioni, rimandata di un anno: una delle ipotesi è l’uscita dal lavoro a 62 anni con sistema contributivo.

Non solo Reddito di Cittadinanza e bonus edilizi. Il Presidente del Consiglio Mario Draghi ha un altro nodo da sciogliere legato alla Manovra, ossia la riforma delle pensioni, un tema aperto soprattutto con i sindacati, ai quali il premier presenterà la sua proposta per superare quota 102.

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

Pensioni, cosa si è deciso con la Manovra

Riprendiamo in mano il filo del discorso legato alla riforma delle pensioni. Senza un accordo nella maggioranza e senza un accordo tra governo e sindacati, il premier ha deciso di fissare gli obiettivi e rimandare la discussione sulla fase operativa.

Per un anno si passa da Quota 100 a Quota 102, quindi nel 2022 e solo nel 2022 è possibile andare in pensione all’età di 64 anni e con almeno 38 anni di contributi versati. Dal 2023 si cambia ancora. Il premier Draghi ha detto e ribadito che quello che serve è un sistema pensionistico sostenibile per le casse dello Stato. E una proposta come Quota 100 non è sostenibile.

Palazzo Chigi
Palazzo Chigi

Riforma delle pensioni, la proposta del governo ai sindacati

Una delle ipotesi sul tavolo è quella della pensione a sessantadue anni con il sistema contributivo. Via quindi le quote e via il sistema misto. La riforma delle pensioni riporterebbe ad un ritorno alla legge Fornero rivisitata, più flessibile.

Il ministro Orlando ha confermato che lo scopo è quello di tornare al contributivo ma ha specificato che la Legge Fornero non rappresenta l’unica soluzione alternativa possibile.

Mario Draghi
Mario Draghi

Le richieste dei sindacati

I sindacati dal canto loro avevano chiesto l’uscita del mondo del lavoro a sessantadue anni o con almeno 41 anni di contributi a prescindere dall’età anagrafica. Il governo è disposto a trattare ma non ad accettare questa formula, troppo costosa per finanze pubbliche.

Pensione
Pensione

I giovani

Un altro punto di discussione riguarda i giovani. I sindacati chiedono che si vada incontro ai ragazzi, vittime di una instabilità lavorativa cronica e che si è aggravata dopo la pandemia. La proposta è quella di concedere il riscatto gratuito della laurea e la possibilità di riconoscere anche gli anni della formazione ai fini pensionistici.

Riproduzione riservata © 2021 - NM

governo Draghi

ultimo aggiornamento: 13-11-2021


Volò nello spazio con Bezos e il capitano Kirk, Glen de Vries morto in un incidente aereo a 49 anni

Crisi Paluani, quello del 2021 potrebbe essere il suo ultimo Natale