Manovra, marcia indietro del Governo sull’Ires

Il Governo fa un passo indietro sulla manovra. Di Maio annuncia la revisione delle disposizioni sull’Ires: “Bisogna cambiarle il prima possibile”.

ROMA – La manovra è pronta per essere approvata ma il Governo annuncia dei nuovi cambiamenti nelle prossime settimane. A dirlo è lo stesso Luigi Di Maio che parla delle modifiche sulla riforma dedicata al volontariato: “Quella norma – riporta il sito di Repubblicava cambiata il prima possibile. Volevamo punire quelli che fanno finto volontariato ma alla fine è venuta fuori una proposta che penalizza quelli che aiutano davvero i più deboli. Le modifiche non si possono fare subito per mancanza di tempo ma sicuramente sarà fatto con il primo provvedimento utile“.

Le polemiche erano nate nei giorni scorsi con la comunità dei frati di Assisi che aveva criticato duramente la cancellazione dello sconto del 50% dell’Ires per tutte le associazioni di volontariato: “Li abbiamo sentiti e li ringraziamo per il loro lavoro – dichiara Di Maioli incontreremo il prima possibile“.

Luigi Di Maio
Luigi Di Maio

Manovra, NCC minaccia il Governo: “Pronti a bloccare il Paese”

Le proteste dei conducenti degli NCC non si fermano. Dopo le manifestazioni dei giorni scorsi, molte persone sono scese in piazza a Roma nuovamente oggi, giovedì 27 dicembre 2018, per confermare la loro contrarietà alla decisione del Governo.

I disagi sono iniziati all’aeroporto di Fiumicino con un centinaio di auto nere che sono sfilati lungo l’anello che collega il piano partenze dei Terminale. Nel pomeriggio sono arrivate nella Capitale dove si sono date appuntamento a piazza della Repubblica. Inoltre una delegazione – riferisce uno dei sindacati – è attesa al Quirinale per presentare un’istanza al presidente della Repubblica per non firmare la legge di bilancio, ritenuta incostituzionale. In piazza è stato bruciato un manichino di Di Maio.

Le proteste non si fermano con le opposizioni che continuano con la loro ferma condanna alla legge di bilancio. Forza Italia chiede un incontro con Mattarella mentre il PD ha presentato il ricorso alla Consulta.

Di seguito il video con la protesta degli NCC

ultimo aggiornamento: 28-12-2018

X