Nuovo episodio di violenza a Roma. Sparatoria a Casal Bruciato, ferito un uomo di quarantotto anni. Si pensa a un regolamento di conti.

A pochi giorni dall’omicidio di Luca Sacchi, arriva sempre da Roma la notizia di una sparatoria a Casal Bruciato. Un commando di tre o quattro persone ha inseguito un quarantottenne già noto alle forze dell’ordine e hanno aperto il fuoco contro di lui. L’uomo è ricoverato in prognosi riservata.

Roma, sparatoria a Casal Bruciato: si pensa a un regolamento di conti

L’episodio è avvenuto in via Diego Angeli 147, dove nella sera di domenica 27 ottobre è avvenuta una sparatoria. I confini della vicenda sono ancora poco chiari ma sembrerebbe aver preso piede l’ipotesi del regolamento di conti.

Polizia di Stato
fonte foto https://www.facebook.com/poliziadistato.it/

Ferito un quarantottenne già noto alle forze dell’ordine

Il bilancio è di un ferito. Si tratta di un uomo di quarantotto anni già noto alle forze dell’ordine. Il soggetto è stato ricoverato in prognosi riservata. Stando alle informazioni raccolte, sarebbero stati esplosi diversi colpi di pistola. Tre sono andati a segno ferendo il quarantottenne alla gamba e al torace.

La ricostruzione dei fatti: la sparatoria a Casal Bruciato, un tentativo di esecuzione

L’uomo stava rincasando quando è stato raggiunto da un commando. I sicari hanno aperto il fuoco contro il quarantottenne, è iniziata una breve fuga terminata nel cortile del palazzo dove vive la vittima dell’agguato. I testimoni hanno raccontato di aver visto almeno tre o quattro uomini armati e sembra che lo scopo fosse quello di uccidere il quarantottenne.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
cronaca evidenza Luca Sacchi roma

ultimo aggiornamento: 28-10-2019


Omicidio Luca Sacchi, i killer avevano dei complici. Anastasiya ha mentito?

È morto Eugenio Melandri, il ‘prete rosso’