Mafia, il procuratore Spataro annuncia la fine dell’operazione contro i nigeriani

Polemica tra Spataro e Salvini. Il ministro anticipa un’operazione contro la mafia nigeriana. Il Procuratore: “Prima di parlare si informi delle tempistiche”.

TORINO – Un tweet di Matteo Salvini poteva mettere a rischio un’intera operazione di polizia. Il ministro dell’Interno ha anticipato la conclusione di un blitz degli inquirenti contro la mafia nigeriana a Torino. Il Procuratore Spataro lo rimprovera: “Prima di parlare – sottolinea – il vicepremier dovrebbe informarsi sulle tempistiche altrimenti rischia di danneggiare le indagini“.

Matteo Salvini
Matteo Salvini (fonte foto https://www.facebook.com/salviniofficial/)

Mafia, Salvini anticipa l’operazione della polizia. Il ministro rimproverato dal procuratore Spataro

Poco dopo il colpo alla mafia siciliana, il ministro dell’Interno su Twitter aveva annunciato la conclusione di un’operazione a Torino: “Altri 15 mafiosi nigeriani – scrive Salvinisono stati fermati dalla Polizia che ha poi ammanettato 8 spacciatori (titolari di permesso di soggiorno per motivi umanitari e clandestini) a Bolzano“.

Di seguito il tweet di Matteo Salvini

Affermazioni che non sono piaciute ad Armando Spataro. Il Procuratore attraverso un comunicato ufficiale – riportato dal sito di Repubblica – ha rimproverato il vicepremier: “In relazione ai fatti di Torino la notizia in questione è stata diffusa mentre l’operazione era (ed è) ancora in corso con conseguenti rischi di danni al buon esito della stessa; la polizia giudiziaria non ha fermato 15 mafiosi nigeriani ma sta eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare emessa su richiesta della DDA. Il provvedimento restrittivo non prevede per tutti gli indagati la contestazione della violazione dell’art. 416 bis c.p.; coloro nei cui confronti il provvedimento è stato eseguito non sono 15 e le ricerche sono ancora in corso“.

La diffusione della notizia – continua il comunicato – contraddice prassi e direttive nel Circondario di Torino secondo cui gli organi di polizia giudiziaria che vi operano concordano contenuti, modalità e tempi della diffusione della notizia. Ci si augura che per il futuro il Ministro dell’Interno eviti comunicazioni simili a quella sopra o voglia almeno informarsi sulla tempistica per evitare rischi e danni alle indagini in corso“.

L’operazione è stata conclusa nella serata di mercoledì come annunciato da una nota del Procuratore Spataro.

ultimo aggiornamento: 05-12-2018

X