Scontro tra Salvini e la ministra Lamorgese sullo Ius Soli. La titolare del Viminale: “Spero si arrivi ad una sintesi politica”.

ROMA – E’ scontro tra Salvini e la ministra Lamorgese sullo Ius Soli. Dopo le critiche arrivate dal leader della Lega sui migranti, la titolare del Viminale ai microfoni de La Stampa ha difeso quest’ultimo tema e ha lanciato un appello anche al premier Draghi: “Speriamo si arrivi ad una sintesi politica”.

La ministra Lamorgese: “Sui migranti sono aperta a raccogliere suggerimenti”

Un’intervista che ha portato la ministra Lamorgese a toccare diversi temi. “La questione dello Ius Soli – ha ribadito la titolare del Viminale riportata da La Repubblica è giusta ed è un tema che si pone e di cui dobbiamo ricordarci non solo quando i nostri atleti vincono delle medaglie. La politica dovrà fare i suoi riscontri e spero che si arrivi ad una sintesi politica. Noi abbiamo la necessità di aiutare le seconde generazioni a farle sentire parte integrande della società“.

La ministra ha parlato anche del tema migranti. “Salvini non ha ben chiare quali sono le difficoltà che stiamo vivendo quotidianamente – ha detto – ma se ci sono iniziative che non abbiamo adottato e lui ci può suggerire per bloccare gli arrivi via mare io li raccolgo volentieri“.

Green Pass, tutte le regole dal 1 settembre

Luciana Lamorgese
Luciana Lamorgese

Salvini: “La ministra dovrebbe controllare chi entra illegalmente in Italia”

Dura la replica di Matteo Salvini alle parole della Lamorgese: “Invece di vaneggiare di Ius Soli, visto che con la legge vigente siamo il Paese europeo che negli ultimi anni ha concesso più cittadinanze in assoluto, il ministro dell’Interno dovrebbe controllare chi entra illegalmente in Itala. Ci sono decine di migliaia di sbarchi organizzati dagli scafisti, senza che il Viminale muova un dito“.

Un tema destinato ancora una volta ad accendere gli animi nella maggioranza e non si esclude già a settembre un confronto con il premier Draghi.

TAG:
governo Draghi primo piano

ultimo aggiornamento: 09-08-2021


Green Pass, i gestori dei locali non possono controllare i documenti

Vent’anni fa moriva Gianfranco Miglio, l’ideologo federalista: dalla Lega alla rottura con Bossi