Serie A, i risultati di domenica 24 ottobre 2021. I due big matc Roma-Napoli e Inter-Juventus termina in parità.

ROMA – Serie A, i risultati di domenica 24 ottobre 2021. Dopo le sfide di sabato, si chiude la nona giornata di campionato. I due big match di giornata sono finiti in parità: 0-0 tra Roma e Napoli e 1-1 tra Inter e Juventus. Rallenta anche l’Atalanta (1-1 contro l’Udinese), la Lazio crolla a Verona, vince la Fiorentina.

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

Inter-Juventus 1-1: Dybala risponde a Dzeko

Inter-Juventus 1-1

Marcatori: 18′ Dzeko (I), 89′ rig. Dybala (J)

Inter (3-5-2): Handanovic; Skriniar, de Vrij, Bastoni; Darmian, Barella (90′ Vecino), Brozovic, Calhanoglu (61′ Gagliardini), Perisic (72′ Dumfries); Dzeko, Lautaro Martinez (72′ Sanchez A.). All. Inzaghi S.

Juventus (4-4-2): Szczesny; Danilo, Bonucci, Chiellini, Alex Sandro; Cuadrado (64′ Chiesa), McKennie (82′ Arthur), Locatelli (82′ Kaio Jorge), Bernardeschi (20′ Bentancur); Morata, Kulusevski (64′ Dybala). All. Allegri

Arbitro: Maurizio Mariani di Aprilia

Note: Ammoniti: Barella, Perisic (I); Alex Sandro (J). Espulso: all’85’ Inzaghi S. (I) per proteste. Angoli: 5-2 per l’Inter. Recupero: 3′ p.t.; 5′ s.t.

La prima occasione è per la Juventus. Morata si fa ipnotizzare da Handanovic e poco dopo il portiere si oppone ad Alex Sandro. Il match si sblocca al 18′. La conclusione di Calhanoglu si stampa sul palo, il più lesto è Dzeko che batte Szczesny. Non succede più nulla fino al duplice fischio.

La prima occasione è per la Juventus. Da buona posizione, però, non inquadra la porta. Ancora bianconeri pericoloso, ma la conclusione di Alex Sandro è imprecisa. Nel finale di ingenuità di Dumfries che ferma fallosamente Alex Sandro. Dal dischetto Dybala non sbaglia. Non succede più nulla fino al triplice fischio. Un punto che lascia tutto invariato in classifica.

Roma-Napoli 0-0: reti bianche all’Olimpico

Roma-Napoli 0-0

Marcatori:

Roma (4-2-3-1): Rui Patricio; Karsdorp, Mancini, Ibanez, Vina; Cristante, Veretout; Zaniolo, Pellegrini Lo., Mkhitaryan (66′ El Shaarawy); Abraham (86′ Shomurodov). All. Mourinho

Napoli (4-3-3): Ospina; Di Lorenzo, Rrahmani, Koulibaly, Mario Rui; Anguissa, Fabian Ruiz, Zielinski (70′ Elmas); Politano (70′ Lozano), Osimhen, Insigne L. (81′ Mertens) All. Spalletti

Arbitro: Sig. Davide Massa di Imperia

Note: Ammoniti: Abraham, Karsdorp, Veretout, Mancini (R); Mertens (N). Espulsi: all’81’ Mourinho (R) per doppia ammonizione; Spalletti (N) a fine partita per proteste. Angoli: 7-4 per la Roma. Recupero: 3′ p.t.; 5′ s.t.

La prima chance è per la Roma. Pellegrini si gira e ci prova, ma Koulibaly con il piede manda in angolo. Sull’angolo successivo Zaniolo da buona posizione di testa non inquadra la porta. Ancora squadra di casa pericolosa, ma Abraham da buona posizione non inquadra la porta. Non succede più nulla fino al duplice fischio.

Nella ripresa subito una chance per il Napoli, il palo prima e Karsdorp dopo salvano la Roma su Osimhen e Mario Rui. Reagisce la Roma con Pellegrini, mira imprecisa. Ancora padroni di casa pericolosi, Mancini non inquadra la porta da buona posizione. Non succede più niente fino al triplice fischio, reti bianche all’Olimpico.

LUCIANO SPALLETTI
LUCIANO SPALLETTI

Hellas Verona-Lazio 4-1: poker di Simeone

Hellas Verona-Lazio 4-1

Marcatori: 30′ Simeone (V), 36′ Simeone (V), 47′ Immobile (L), 62′ Simeone (V), 90’+2 Simeone (V)

Hellas Verona (3-4-2-1): Montipò; Dawidowicz, Gunter (69′ Sutalo), Casale (45′ Ceccherini); Faraoni, Ilic (80′ Hongla), Miguel Veloso (68′ Tameze), Lazovic (81′ Magnani); Barak, Caprari; Simeone. All. Tudor

Lazio (4-3-3): Pepe Reina; Marusic, Patric, Radu, Hysaj (57′ Hysaj); Milinkovic-Savic S., Lucas Leiva (63′ Cataldi), Akpa Akpro (56′ Luis Alberto); Pedro (64′ Raul Moro), Immobile, Felipe Anderson. All. Sarri

Arbitro: Sig. Marco Piccinini di Forlì

Note: Ammoniti: Miguel Veloso, Ceccherini (V); Patric, Akpa Akpro (L). Angoli: 3-4 per la Lazio. Recupero: 1′ p.t.; 5′ s.t.

Parte bene il Verona. La prima chance è per Caprari, palla fuori. Poco dopo ci prova Ilic da buona posizione, anche questa volta la mira è imprecisa. Il match si sblocca al 30′. Caprari in profondità per Simeone e 1-0. Ancora una volta il Cholito con una conclusione dalla distanza batte Simeone. Prova a reagire la Lazio con Immobile, palla di poco fuori.

La riapre subito la Lazio nella ripresa. Milinkovic-Savic per Immobile e palla in rete dopo un intervento non perfetto da parte di Montipò. Poco dopo Felipe Anderson va ad un passo dal pareggio, palla fuori di poco. La chiude al 62′ il Verona con il solito Simeone ben servito da Caprari. Diventa molto divertente la sfida al Bentegodi. La traversa nega la gioia del gol a Milinkovic-Savic, dall’altra parte Reina si oppone a Lazovic. Prova Lazzari a riaprire il match, ma Simeone in pieno recupero trova il poker personale e della sfida. Non succede più nulla fino al triplice fischio, vince il Verona.

Fiorentina-Cagliari 3-0: ritrova il successo la squadra viola

Fiorentina-Cagliari 3-0

Marcatori: 21′ rig. Biraghi, 42′ Gonzalez N., 48′ Vlahovic

Fiorentina (4-3-3): Terracciano; Venuti, Milenkovic, Martinez Quarta, Biraghi (68′ Terzic); Bonaventura, Torreira, Maleh (67′ Castrovilli); Gonzalez N., Vlahovic, Saponara (74′ Callejon). All. Italiano

Cagliari (4-4-2): Cragno; Caceres (25′ Bellanova), Ceppitelli, Carboni, Lykogiannis; Zappa G. (58′ Pereiro G.), Marin, Deiola (58′ Grassi), Nandez (72′ Obert); Keita Baldé (58′ Pavoletti), Joao Pedro. All. Mazzarri

Arbitro: Sig. Antonio Rapuano di Rimini

Note: Ammoniti: Keita, Marin (C). Angoli: 4-1 per la Fiorentina. Recupero: 2′ p.t.; 3′ s.t.

La prima chance è per Gonzalez, la sfera esce di poco. Il match si sblocca al 21′. Rapuano assegna un calcio di rigore con l’aiuto del Var per un tocco con il braccio di Keita: Cragno spiazzato da Biraghi e 1-0. Ci prova ancora Gonzalez, colpo di testa fuori. Ci prova Saponara dalla distanza, palla sulla traversa. Il raddoppio della Fiorentina arriva sul finire del primo tempo. Saponara, servito da Vlahovic, trova Gonzalez che non deve fare altro che depositare la palla in rete. Ancora Fiorentina pericolosa con il mancino Maleh, palla fuori.

Ad inizio ripresa arriva anche il tris della Fiorentina. Punizione perfetta da parte di Vlahovic. Ancora il serbo che ci prova in due occasioni, mira imprecisa. Ritrova la squadra di Italiano.

Atalanta-Udinese 1-1: Beto risponde a Malinovskyi

Atalanta-Udinese 1-1

Marcatori: 57′ Malinovskyi (A), 90’+4 Beto (U)

Atalanta (3-4-1-2): Musso; de Roon, Palomino, Lovato; Zappacosta, Pasalic (74′ Koopmeiners), Freuler, Pezzella Giu.; Malinovskyi (85′ Scalvini); Ilicic (64′ Miranchuk), Zapata D. (64′ Muriel). All. Gasperini

Udinese (3-4-3): Silvestri; Rodrigo Becao, Nuytinck (83′ Forestieri), Samir; Stryger Larsen (76′ Soppy), Walace, Makengo (65′ Arslan), Udogie; Molina N. (65′ Success), Beto, Pussetto. All. Gotti

Arbitro: Sig. Fabio Maresca di Napoli

Note: Ammoniti: Lovato (A), Pezzella Giu. (A); Samir (U). Espulso: al 90’+2 Gasperini (A) per proteste. Angoli: 6-3 per l’Atalanta. Recupero: 1′ p.t.; 5′ s.t.

Il primo tentativo verso la porta è di Pussetto, attento Musso. Nel finale di tempo ci prova l’Atalanta con Ilicic, la palla termina sul palo prima e tra le braccia di Silvestri poi. Ancora il portiere bianconero attento su Pasalic.

Nella ripresa ancora Atalanta con Ilicic, palla di poco fuori. Il match si sblocca al 57′ con la solita conclusione dalla distanza di Malinovskyi. Con il passare dei minuti l’Udinese cresce e trova solo un grande Musso ad evitare l’autorete di Lovato. Al 94′, però, arriva il pareggio con il colpo di testa di Musso.

Notizia in aggiornamento

Riproduzione riservata © 2021 - NM

calcio news Inter Juventus

ultimo aggiornamento: 24-10-2021


Serie A, il Milan vince a Bologna. Bene Empoli e Sassuolo

Antonio Conte verso il ritorno in panchina