Serie A, i risultati di domenica 28 novembre 2021. Il big match tra Napoli e Lazio finisce 4-0. Perde il Milan.

ROMA – Serie A, i risultati di domenica 28 novembre. Dopo le partite di sabato, si completa la quattordicesima giornata di campionato. Nella prima sfida reti bianche tra Genoa e Udinese. Il Milan crolla in casa contro il Sassuolo mentre il Bologna batte lo Spezia. Bene la Roma contro il Torino mentre il Napoli rifila un poker alla Lazio dell’ex Sarri.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Napoli-Lazio 4-0: partenopei primi da soli

Napoli-Lazio 4-0

Marcatori: 7′ Zielinski, 10′ Mertens, 29′ Mertens, 84′ Fabian Ruiz

Napoli (4-2-3-1): Ospina; Di Lorenzo, Rrahmani, Koulibaly, Mario Rui (85′ Ghoulam); Lobotka, Fabian Ruiz (85′ Malcuit); Lozano (64′ Elmas), Zielinski (73′ Demme), Insigne L.; Mertens (64′ Petagna). All. Spalletti

Lazio (4-3-3): Reina; Patric (46′ Lazzari M.), Luiz Felipe, Acerbi, Hysaj; Milinkovic-Savic S. (60′ Basic), Cataldi (75′ Lucas Leiva), Luis Alberto; Felipe Anderson (55′ Zaccagni), Immobile, Pedro (75′ Raul Moro). All. Sarri

Arbitro: Sig. Daniele Orsato di Schio

Note: Ammoniti: Di Lorenzo, Demme (N); Luiz Felipe, Patric, Cataldi (L). Angoli: 1-3 per la Lazio. Recupero: 1′ p.t.; 0′ s.t.

Alla prima occasione il Napoli trova il vantaggio. Imbucata per Mertens, Cataldi sbaglia, Acerbi riesce a chiudere il belga ma Zielinski è il più lesto a mettere la palla in rete. La Lazio non reagisce e il Napoli raddoppia. Insigne serve Mertens, il numero 14 fa tutto quello che vuole e poi con il destro batte Reina. Prova a reagire la Lazio con Immobile, attento Ospina. Ancora il colombiano protagonista su una bellissima conclusione di Ospina. Sugli sviluppi del corner Acerbo colpisce la traversa. Ma il Napoli è implacabile questa sera. Palla per Mertens, il belga con un destro a giro non lascia possibilità a Reina di intervenire. Non succede più nulla fino al triplice fischio.

Dries Mertens Napoli
Dries Mertens Napoli

Nella ripresa la prima chance è per il Napoli, Reina attento su Mario Rui. Non succede praticamente più nulla fino all’85’ quando Fabian Ruiz con il suo solito mancino batte Reina. Non succede praticamente più nulla. Il Napoli vince e si riprende la vetta solitaria della classifica.

Roma-Torino 1-0: decide Abraham

Roma-Torino 1-0

Marcatori: 32′ Abraham

Roma (3-5-2): Rui Patricio; Mancini, Smalling, Ibanez; Karsdorp, Pellegrini Lo. (14′ Carles Perez; 90’+3 Kumbulla)), Diawara, Mkhitaryan, El Shaarawy (87′ Vina); Zaniolo, Abraham. All. Mourinho

Torino (3-4-2-1): Milinkovic-Savic V.; Djidji (46′ Zima), Bremer, Buongiorno (77′ Baselli); Singo, Lukic, Pobega, Vojvoda (77′ Zaza); Praet (76′ Pjaca), Brekalo; Belotti (79′ Sanabria) (. All. Juric

Arbitro: Sig. Daniele Chiffi di Padova

Note: Ammoniti: Ibanez, Kumbulla (R); Zima (T)

La partita è abbastanza equilibrata. La prima vera chance arriva al 27′, decisivo Abraham su Buongiorno. Il match si sblocca al 32′. Ibanez per Mkhitaryan, il velo di Zaniolo permette ad Abraham di ricevere e battere Milinkovic. Dopo sei minuti di stop (rigore non assegnato alla Roma per fuorigioco ndr), gli uomini di Mourinho si fanno vedere ancora in avanti: Milinkovic dice di no ad Abraham.

Mourinho
Mourinho

Nella ripresa la prima chance è per il Torino, attento Rui Patricio su Brekalo. Non succede praticamente nulla fino al triplice fischio. Vince la squadra di Mourinho.

Milan-Sassuolo 1-3: i rossoneri perdono in casa

Milan-Sassuolo 1-3

Marcatori: 21′ Romagnoli A. (M), 24′ Scamacca (S), 33′ aut. Kjaer (S), 66′ Berardi D. (S)

Milan (4-2-3-1): Maignan; Florenzi (70′ Pellegri), Kjaer, Romagnoli A., Hernandez T.; Bennacer (61′ Tonali), Bakayoko (46′ Kessié); Saelemaekers (82′ Kalulu), Brahim Diaz (46′ Messias), Rafael Leao; Ibrahimovic. All. Pioli

Sassuolo (4-2-3-1): Consigli; Muldur, Ayhan, Ferrari G. M., Kyriakopoulos; Frattesi (81′ Harroui), Matheus Henrique (80′ Toljan); Berardi D. (80′ Traorè H.), Maxime Lopez, Raspadori (90′ Chiriches); Scamacca (59′ Defrel). All. Dionisi

Arbitro: Sig. Gianluca Manganiello di Pinerolo

Note: Ammoniti: Bennacer, Hernandez T., Tonali, Kjaer (M); Lopez M., Raspadori (S). Espulso: al 77′ Romagnoli A. (M) per fallo di gioco. Angoli: 7-6 per il Milan. Recupero: 1′ p.t.; 4′ s.t.

Il match si sblocca alla prima vera occasione. Cross di Theo Hernandez e colpo di testa vincente di Alessio Romagnoli. Immediata la replica del Sassuolo, Raspadori conquista la palla e Scamacca con il destro batte Maignan. La squadra di Dionisi la ribalta poco dopo. Maignan risponde presente sulla conclusione di Scamacca ma la sfera rimpalla su Kjaer e termina in rete.

Gianluca Scamacca
Gianluca Scamacca

Nella ripresa il Milan spinge per il pareggio ma è il Sassuolo a trovare la rete del 3-1. Ancora una disimpegno sbagliato, Berardi supera Romagnoli e batte sotto le gambe Maignan. Il match si complica per i rossoneri con il rosso a Romagnoli. Maignan, però, poco dopo si oppone a Berardi. Non c’è più tempo, vince il Sassuolo. Momento difficile per il Milan.

Spezia-Bologna 0-1: decide Arnautovic

Spezia-Bologna 0-1

Marcatori: 83′ Arnautovic

Spezia (4-3-3): Provedel; Amian (77′ Ferrer), Erlic, Nikolaou, Reca (59′ Sala J.); Kovalenko (76′ Agudelo), Bastoni S., Maggiore; Strelec (58′ Salcedo E.), Nzola, Antiste (58′ Colley O.). All. Thiago Motta

Bologna (3-4-2-1): Skorupski; Soumaoro, Medel, Theate; Orsolini (75′ Skov Olsen), Dominguez N. (85′ Bonifazi), Svanberg (74′ Vignato), Hickey; Barrow (75′ Sansone N.), Soriano; Arnautovic (89′ Mbaye). All. Mihajlovic

Arbitro: Sig. Luca Massimi di Teramo

Note: Ammoniti: Salcedo E., Nzola (S); Dominguez N., Arnautovic (B). Angoli: 3-6 per il Bologna. Recupero: 0′ p.t.; 4′ s.t.

La prima chance è per il Bologna, Arnautovic colpisce il palo esterno. Il pressing della squadra di Mihajlovic continua, ma poco prima dell’intervallo ancora un palo nega la gioia del gol a Barrow.

Sinisa Mihajlovic
Sinisa Mihajlovic

Nella ripresa non cambia il match e soprattutto la sfortuna del Bologna. Ancora un legno non permette a Barrow di esultare. Nel finale, però, grave ingenuità di Nzola: tocco con il braccio in area di rigore e questa volta Arnautovic non sbaglia. L’ultima chance è di Erlic, palla fuori. Una vittoria importante per gli uomini di Mihajlovic.

Udinese-Genoa 0-0: reti bianche alla ‘Dacia Arena’

Udinese-Genoa 0-0

Udinese (3-4-2-1): Silvestri; Rodrigo Becao, Nuytinck (46′ Samardzic), Samir; Molina N. (57′ Perez N.), Walace, Arslan (56′ Makengo), Udogie; Pereyra R. (16′ Pussetto), Deulofeu (85′ Success); Beto. All. Gotti

Genoa (3-5-2): Sirigu; Biraschi, Masiello A., Vasquez; Sabelli (59′ Ghiglione), Sturaro (88′ Touré H.), Badelj (73′ Badelj), Rovella, Cambiaso; Ekuban, Bianchi F. (72′ Pandev) All. Shevchenko

Arbitro: Sig. Francesco Meraviglia di Pistoia

Note: Ammoniti: Molina N., Makengo, Pussetto (U); Vasquez, Sabelli, Ghiglione, Rovella (G). Angoli: 8-1 per il Genoa. Recupero: 2′ p.t.; 6′ s.t.

Un primo tempo senza particolari emozioni. La più grande occasione capita nel finale di tempo, ma Ekuban davanti a Silvestri non inquadra incredibilmente la porta. Non succede praticamente più nulla fino al duplice fischio.

Andrj Shevchenko
Andrj Shevchenko

Nella ripresa la formazione di Gotti spinge e l’occasione più ghiotta capita sui piedi di Beto, ma il palo nega la gioia della rete. Dall’altra parte ci prova Ghiglione, attento Silvestri. Al triplice fischio un punto che soddisfa poco entrambe le squadre.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

calcio news milan

ultimo aggiornamento: 28-11-2021


Villa di Arturo Vidal svaligiata dai ladri: nel bottino i gioielli e un fuoristrada

Inchiesta Juve, riflettori puntati (anche) sui compensi ai procuratori