Silvio Berlusconi indagato nel procedimento per le stragi mafiose del 1993. La notizia arriva dalla documentazione presentata dai legali di Marcello Dell’Utri a Palermo.

Silvio Berlusconi risulta indagato nel processo per le stragi mafiose del 1993. Il Cavaliere è iscritto nel registro degli indagati della Procura di Firenze sugli attentati di Mafia dell’inizio degli anni Novanta.

Le autorità, dopo aver riaperto il fascicolo chiuso nel 2011, si stanno concentrando sulle dichiarazioni del boss Giuseppe Graviano, uno dei primi a fare i nomi, in una intercettazione, del leader di FI e Marcello Dell’Utri.

Silvio Berlusconi
Silvio Berlusconi

Green Pass e Super Green Pass, tutte le regole dal 10 gennaio

Stragi mafiose del ’93, Silvio Berlusconi indagato a Firenze

La notizia arriva da Palermo, dove i legali di Marcello Dell’Utri, imputato nel processo sulla trattativa Stato-Mafia, hanno depositato una certificazione in cui compare il nome del leader di Forza Italia negli indagati della Procura di Firenze.

Sergio Mattarella e Silvio Berlusconi
Roma – Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella con il Dott. Silvio BERLUSCONI, Presidente del Partito “Forza Italia – Berlusconi Presidente”, oggi 22 agosto 2019. (Foto di Paolo Giandotti – Ufficio per la Stampa e la Comunicazione della Presidenza della Repubblica)

Berlusconi potrà non rispondere alle domande dei giudici

La presenza di Silvio Berlusconi nel registro degli indagati della Procura di Firenze consentirà al leader di Forza Italia, citato a deporre, di non rispondere. E molto probabilmente l’ex premier eviterà di esporsi in Aula.

Berlusconi e Dell’Utri i mandanti occulti delle stragi del 1993?

Silvio Berlusconi e Marcello Dell’Utri sono al centro delle indagini sulle stragi mafiose del 1993 e gli inquirenti vogliono fare luce sulla posizione dei due.

Lo scopo delle indagini è quello di chiarire se i due politici possano essere considerati come possibili mandanti oscuri delle stragi che stravolsero le principali città italiane.

La Procura di Firenze ha riaperto il fascicolo per procedere con nuovi accertamenti su una delle pagine più oscure della cronaca italiana.

Le indagini della Procura di Firenze ripartono dalle parole di Giuseppe Graviano, il boss intercettato mentre parlava proprio di Berlusconi e Dell’Utri.

Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per seguire News Mondo su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 25-09-2019


“Presto nuove sorprese”, l’annuncio di Salvini che spaventa il governo

Autisti Atac aggrediti, i mezzi pubblici si fermano nella Capitale