L’Unicredit valuta l’ipotesi di uno smart working di 2 giorni a settimana per i dipendenti. I sindacati: “Verificheremo”.

ROMA – L’Unicredit nelle prossime settimane potrebbe approvare il piano di 2 giorni a settimana di smart working per i dipendenti. Il progetto-pilota dovrebbe iniziare il prossimo settembre, anche se la decisione definitiva sarà presa molto probabilmente al termine dell’anno dopo un confronto con i lavoratori.

Inizieremo un graduale ritorno in ufficio a partire da settembre – ha confermato Ranieri de Marchis, group operating officer della banca – e nel quarto trimestre realizzeremo un progetto per permettere un lavoro ibrido sostenibile a partire dal prossimo anno“.

I nuovi spazi

Un nuovo progetto che dovrebbe portare ad una revisione degli spazi. Come riportato dal Corriere della Sera, le intenzioni sono quelle di diminuire gli spazi desk e aumentare quelli dedicati alle aree comuni per aumentare la socialità durante le ore di lavoro.

“Il piano – ha detto de Marchis – non è finalizzato al risparmio o al ridimensionamento delle nostre proprietà. Il nostro obiettivo resta quello di creare un nuovo modo sostenibile di lavorare. E se alla fine vediamo che c’è più spazio del necessario, siamo pronti a valutare eventuali modifiche”.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

UniCredit
UniCredit

La reazione dei sindacati

Non è mancata la reazione dei sindacati. “Quello che sostiene de Marchis è da apprezzare – ha detto Lando Maria Sileoni, segretario generale della Fabi – perché rispetta le previsioni del contratto collettivo nazionale […]. E’ quindi un primo pass importante che va nella direzione, quella che la nostra cifra auspica da tempo, per dare la possibilità, al termine della pandemia, a chi lo desidera, sia di rientrare in azienda che lavorare parzialmente da remoto. Verificheremo, ovviamente negli incontri che l’azienda concorderà con i sindacati di gruppo“. Il via libera è atteso per il 2022 ma il progetto pilota partirà ufficialmente nell’ultimo trimestre dell’anno considerato da tutti post pandemia.


Dal 3 luglio stop alla plastica monouso: i prodotti vietati che non potremo più usare

Borse 2 luglio, i mercati chiudono la settimana miste. Lagarde: “Ripresa in corso ma resta fragile”