Cosa sono le sofferenze nette?

5 paesi low cost dove rifarsi una vita

Sofferenze nette, tutto quello che c’è da sapere: cosa sono, in quali categoria rientrano e le differenze rispetto alle sofferenze lorde

Cosa sono le sofferenze nette? Prima di affrontare questo argomento è opportuno parlare dei crediti deteriorati. Scopriamo insieme di cosa si tratta…

Crediti deteriorati

Con il termine crediti deteriorati ci riferiamo a quei finanziamenti che con enorme difficoltà le banche potranno recuperare. Si tratta di crediti che, una volta inseriti a bilancio, diventano a tutti gli effetti una perdita per le banche che come conseguenza diminuiscono le risorse per nuovi finanziamenti come prestiti alle imprese, mutui, ecc. Si tratta di un grande problema finanziario visto che i crediti deteriorati ad oggi ammontano a circa 360 miliardi di euro di cui circa 200 miliardi di euro sono diventate sofferenze lorde, mentre le notte superano gli 80 miliardi di euro. Cerchiamo di capire cosa sono le sofferenze bancarie. Per farlo proviamoci con un esempio molto semplice. Hai mai prestato dei soldi ad un caro amico o ad un parente e non li hai mai ricevuti indietro? Beh diciamolo è capitato a tutti di fare un piccolo prestito e non ricevere mai più indietro quella somma. Ecco queste in breve sono le sofferenze.

Sofferenze nette

Le sofferenze per la banca sono la stessa identica cosa. La banca dopo aver prestato dei soldi non riesce a recuperare il capitale in quanto il soggetto destinatario è impossibilitato a restituirlo. Si tratta di crediti che in gergo finanziario vengono comunemente chiamati sofferenze bancarie.  Stando agli ultimi dati resi disponibili le sofferenze bancarie in Italia hanno toccato la cifra record di 200 miliardi di euro suddivise tra sofferenze nette e lorde. Con il termine sofferenze nette ci riferiamo a quei crediti erogati verso soggetti in stato di insolvenza o in condizioni equiparabili calcolati considerando anche le svalutazioni. Le sofferenze lorde, invece, stando alle indicazioni della Banca d’Italia, sono considerate al netto dell’ammontare complessivo della perdita di valore.certificato_unicasim

Se ti è piaciuta la notizia, condividila sui social!

ultimo aggiornamento: 14-08-2017

Guide News Mondo

Per favore attiva Java Script[ ? ]